4.641.064 gli italiani senza alcuna dose di vaccino anti-Covid. Gli over 50 sono 1.230.06

- Advertisement -

Nei mesi scorsi per un lungo periodo le somministrazioni hanno proceduto ad un ritmo di 500mila al giorno, ora siamo a 70mila


AgenPress. L’Institute for Health Metrics and Evaluation, dell’Università di Washington – afferma Alessio D’Amato, assessore alla Sanità della regione Lazio – ha pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica The Lancet, un importante articolo su “eccesso di mortalità da Covid”. Lo studio esamina le morti a livello globale avvenute tra il 2020 e il 2021 in 191 paesi e territori. Secondo lo studio l’Italia ha un tasso di eccesso mortalità di 227 ogni 100 mila abitanti. La Regione Lazio è tra le regioni italiane con il minor tasso, 169 ogni 100 mila abitanti. Questo dato conferma l’ottimo lavoro svolto da tutte le nostre operatrici e i nostri operatori sanitari nella presa in carico dei pazienti e la grande capacità di resilienza dell’intero sistema sanitario regionale”.
Secondo gli ultimi dati settimanali di monitoraggio della pandemia nessuna Regione supera la soglia di allerta del 10% per l’occupazione di malati Covid nelle terapie intensive.
E’ stabile il numero di Regioni che superano la soglia di allerta del 15% per l’occupazione dei reparti ordinari. Sono le regioni Abruzzo (18,4%); Basilicata (24,4%); Calabria (28,7%); Lazio (16,2%); Liguria (15,1%); Marche (16,6%); Puglia (18,6%); Sardegna (19,5%); Sicilia (23,1%); Umbria (21,5%).
L’incidenza dei casi di Covid rispetto alla media nazionale risulta più alta in Umbria, Calabria e Marche.
Sono ancora 4.641.064 gli italiani al di sopra dei 5 anni ancora senza alcuna dose di vaccino anti-Covid: gli over 50 sono 1.230.064.
La fascia più ampia è quella pediatrica (5-11 anni): 1,5 milioni non sono vaccinati.
Secondo il report del commissario all’emergenza si registra un rallentamento della campagna con 479.134 iniezioni fatte in sette giorni. Complessivamente le persone immunizzate sono 49,5 milioni (l’83,6% della popolazione). In 38 milioni hanno fatto la terza dose (il 64,2% della popolazione).
Nei mesi scorsi per un lungo periodo le somministrazioni hanno proceduto ad un ritmo di 500mila al giorno, ora siamo a 70mila.
“C’è qualche problema negli ultimi giorni, c’è un aumento dei contagi Covid”, rileva il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca: “L’uso della mascherina deve rimanere diffuso, vi prego di essere attenti perchè ci possono essere varianti o ripresa di contagiosità anche di varianti vecchie che ci impongono di essere prudenti”.
“I nostri esperti – aggiunge De Luca – ci dicono che c’è una ripresa della contagiosità della variante Delta e che il contagio arriva anche con tre dosi in media dopo cinque mesi dalla terza dose”.
“Da quasi un anno il Veneto – evidenzia invece il presidente Luca Zaia – e’ la prima  Regione d’Italia nell’utilizzo dei farmaci monoclonali per combattere  precocemente il Covid, con il 17% a livello nazionale. Siamo stati i  primi a crederci quando ancora venivano espressi dubbi e  perplessita’. Ora che la loro efficacia non e’ piu’ in discussione siamo primi nel loro utilizzo”.
- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati