Afghanistan. A Kabul le donne chiedono ai talebani la riapertura delle scuole femminili

- Advertisement -

AgenPress – Alcune donne hanno protestato nella capitale Kabul chiedendo all’Emirato islamico di riaprire le scuole per le studentesse di grado superiore al sesto anno. 

La protesta è stata tenuta dal Junbish Khodjosh Zanan Afghanistan.  

- Advertisement -

“Qui una generazione è privata dei suoi diritti umani fondamentali. Una generazione di donne è privata dei diritti all’istruzione, al lavoro e alle attività sociali”, ha affermato Monsia Mubariz, attivista per i diritti delle donne. 

“La chiusura delle scuole femminili mostra la mancanza di impegno talebano nei confronti della loro promessa”, ha affermato Zakia Zahat, attivista per i diritti delle donne.  

Ciò arriva quando il Ministero dell’Istruzione afferma di essere ottimista sugli sforzi per riaprire le scuole per le ragazze di grado 7-12.  

- Advertisement -

Aziz Ahmad Riyan, portavoce del ministero dell’Istruzione, ha affermato che la dirigenza dell’Emirato islamico ha dato il via libera alla riapertura delle scuole femminili.  

“La riunione di mercoledì è stata efficace. L’incontro di oggi è stato efficace. Non possiamo condividere tutti i dettagli, ma in generale è emersa una luce verde e c’è stato un movimento verso un lato positivo”, ha affermato.  

Riyan ha anche affermato che l’istruzione per le ragazze è importante.

“Tutte le ragazze che vivono nel Paese sono come sorelle o figlie di un membro dell’Emirato Islamico. Nessuno vuole che una figlia o una sorella vengano private dell’istruzione”, ha detto. 

In precedenza, il primo vice primo ministro, il mullah Abdul Ghani Baradar, aveva fatto commenti pieni di speranza sulla decisione in sospeso sull’istruzione per le studentesse oltre il sesto anno, ma non ha fatto luce sullo stato della decisione.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati