Dati Covid in tempo Reale

All countries
240,190,120
Confermati
Updated on 14 October 2021 18:56
All countries
215,766,611
Ricoverati
Updated on 14 October 2021 18:56
All countries
4,893,211
Morti
Updated on 14 October 2021 18:56

Afghanistan. “Ci hanno venduti”. Il racconto dei soldati afghani e la resa ai talebani

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress – “Consegniamo le nostre armi e ci arrendiamo con i nostri compagni morti e feriti davanti a noi”, dice un membro della NDS (Direzione nazionale della sicurezza), il braccio militare dell’intelligence afghana e l’organismo incaricato delle operazioni più rischiose sugli Stati Uniti, con le lacrime agli occhi.

La scena, nella provincia di Gazni, è avvenuta un paio di giorni prima della presa di Kabul, avvenuta il 15 agosto. Il suo protagonista è Mohsin, un guardaroba di 27 anni con gli occhi chiari, che è imbarazzato più volte durante la sua storia, ma insiste sul fatto che stavano eseguendo gli ordini. Con orgoglio ferito, negli ultimi mesi attraversa una casa nella provincia di Parwan in cui ha indossato un’uniforme che ora tiene accartocciata in un sacchetto di plastica.

La capitale è caduta nelle mani dei talebani con pochi combattimenti, come già nel 1996, a causa di quella capitolazione imposta dall’alto. Tutto stava cuocendo da mesi nelle trattative condotte dentro e fuori il Paese con i guerriglieri che ora occupano il potere. 

L’annuncio della partenza delle truppe statunitensi e l’alleanza internazionale finì per dare il tocco finale alle truppe locali, sempre più demotivate. Poi le suppliche, accolte dai Talebani, di avere salva la vita in cambio della resa delle armi,  la sensazione di aver dato al nemico “le chiavi della macchina”.

A spiegarlo sono cinque soldati afgani di diverse province, gradi, posizioni ed età intervistati da EL PAÍS e che, per motivi di sicurezza, preferiscono che la loro vera identità non venga pubblicata. Uno di loro è riuscito a fuggire in Pakistan ad agosto.

 “Il nostro morale quando gli Stati Uniti hanno annunciato la loro partenza stava diminuendo” e “ci sono stati sempre meno combattimenti”, ammette un colonnello di 54 e 36 anni nella capitale Adbul.

“Alcuni funzionari del PPS (la sicurezza del palazzo presidenziale) avevano già parlato con i talebani, avevano acconsentito a tutto, alla consegna delle armi e alla resa in cambio del non ucciderci. 

Come soldati, eseguiamo gli ordini “, afferma Elham, un comandante di 27 anni che, prima di entrare nella guardia presidenziale due anni fa, ha combattuto i guerriglieri talebani in diverse province. Temendo di essere visto o sentito, l’intervista con Elham si svolge all’interno di un veicolo che cambia più volte posizione a Kabul.

Il pomeriggio del 15 agosto si trovava a Camp Watan, una struttura di addestramento vicino all’aeroporto. Riguardo all’arrivo dei talebani.

“Cercavo di tenere alto il morale, ma alcuni miei colleghi tremavano e temevano per la loro vita”. Assicura che hanno consegnato tutto: armi, uniformi, veicoli… ma prima di procedere a bruciare tutta la documentazione che potrebbe compromettere l’esercito locale o le truppe internazionali. 

“Abbiamo anche dato loro le chiavi delle macchine”, dice un altro soldato. “Siamo ancora sotto shock (…) I leader ci hanno venduto”, rivela Selab, un comandante che è stato ferito e ha perso diversi compagni nella provincia di Wardak.

Quasi tutti gli intervistati usano il verbo “vendere” per spiegare cosa credono che abbia fatto il governo del presidente Ashraf Ghani prima, il 15 agosto, di fuggire negli Emirati Arabi Uniti. Due delle testimonianze raccolte in questo rapporto corrispondono a membri della guardia presidenziale. Alcuni degli intervistati sostengono che Kabul avrebbe potuto essere teatro di una carneficina se si fosse cercato di impedire ai guerriglieri jihadisti di completare la loro ascesa al potere, ma, allo stesso tempo, non credono che evitare questo bagno di sangue sia stata la principale ragione per spiegare che non c’era battaglia per il controllo della capitale.

Altre News

Articoli Correlati