Dati Covid in tempo Reale

All countries
229,835,231
Confermati
Updated on 21 September 2021 05:05
All countries
204,795,053
Ricoverati
Updated on 21 September 2021 05:05
All countries
4,713,636
Morti
Updated on 21 September 2021 05:05

Afghanistan. Continua la protesta delle donne a Kabul sotto il controllo dei talebani

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress – Un piccolo gruppo di donne afgane ha sfidato ancora una volta sabato le strade controllate dai talebani di Kabul per chiedere pari diritti e la possibilità di partecipare al governo. 

In un’audace sfida pubblica al governo del gruppo militante, le attiviste hanno organizzato almeno tre piccole manifestazioni in tutto il paese la scorsa settimana.
I filmati condivisi dalla rete di notizie afghane TOLO news sabato hanno mostrato uno scontro tra le guardie talebane e alcune delle donne. 
Nel video, si sente un uomo al megafono che dice alla piccola folla “passeremo il tuo messaggio agli anziani”. La sua voce sembra calma. Ma verso la fine del video, si possono sentire le donne urlare, con un attivista che dice “perché ci stai picchiando?”
Secondo quanto riferito da TOLO, la violenza è scoppiata dopo che le forze talebane hanno impedito alle donne di marciare verso il palazzo presidenziale, che ha riportato l’uso di gas lacrimogeni sui manifestanti.
“Insieme a un gruppo di nostri colleghi, volevamo andare vicino agli ex uffici governativi per una protesta. Ma prima che arrivassimo, i talebani hanno colpito le donne con taser elettrici e hanno usato gas lacrimogeni contro le donne. Hanno anche colpito le donne sul testa con una rivista di armi e le donne sono diventate insanguinate. Non c’era nessuno a cui chiedere perché”, ha detto a Reuters Soraya, un ex dipendente del governo presente sulla scena della protesta.
Un video dell’attivista afghano Narjis Sadat che sanguina dalla testa è stato ampiamente condiviso sui social media, sostenendo che era stata picchiata dai combattenti militanti durante la protesta. 
I leader talebani su Twitter hanno respinto i video condivisi online sulla violenza durante le proteste guidate dalle donne. Il capo della Commissione culturale, Muhammad Jalal, ha affermato che queste manifestazioni sono state “un deliberato tentativo di causare problemi”, aggiungendo che “queste persone non rappresentano nemmeno lo 0,1% dell’Afghanistan”.

Altre News

Articoli Correlati