Dati Covid in tempo Reale

All countries
240,190,120
Confermati
Updated on 14 October 2021 18:56
All countries
215,766,611
Ricoverati
Updated on 14 October 2021 18:56
All countries
4,893,211
Morti
Updated on 14 October 2021 18:56

Afghanistan. Criminali in libertà. La paura delle donne giudici che li avevano condannati

- Advertisement -
AgenPress – Nabila, una delle 250 donne giudici alle quali è stato ordinato di non tornare al lavoro ha paura delle rappresaglie, non solo da parte dei fondamentalisti, ma anche degli uomini che una volta aveva incarcerato. Quando sono saliti al potere, i talebani hanno aperto i cancelli delle carceri, rilasciando migliaia di criminali condannati.
“Ora non ci sentiamo al sicuro; gli stessi criminali stanno perseguendo la mia stessa vita, la vita della mia famiglia. Dio non voglia se cercano vendetta.”
Dopo la presa del potere da parte dei talebani a metà agosto, alcune dozzine di donne giudice sono fuggite dall’Afghanistan, e quelle rimaste ora si nascondono, secondo il giudice Vanessa Ruiz dell’International Association of Women Judges (IAWJ) con sede negli Stati Uniti.
Tutti i giudici che hanno lavorato sotto l’ex governo afghano, uomini e donne, sono stati ora sostituiti da incaricati talebani. 
Ma Ruiz ha detto che i giudici donne temevano che sarebbero state obiettivi particolari per un regime che assegna maggiore valore agli uomini.
Molte delle donne giudici hanno presieduto ai peggiori casi di violenza contro le donne, inclusi stupri, omicidi e abusi domestici.
“Si sarebbero arrabbiati con qualsiasi giudice che li avesse condannati, ma che una donna avesse l’autorità ufficiale e sedesse a giudicare un uomo, è una rabbia di un ordine completamente diverso”, ha detto Ruiz.
La IAWJ e altre organizzazioni stanno facendo del tutto  per trovare un passaggio sicuro per le donne, ma dicono che hanno bisogno di più aiuto dagli Stati Uniti e da altre nazioni occidentali, prima che sia troppo tardi.
I rischi per le donne giudici afgane sono antecedenti all’acquisizione del paese da parte dei talebani.
A gennaio, due giudici della Corte suprema sono stati uccisi a Kabul da uomini armati non identificati, anche se i talebani hanno negato la responsabilità. 
Da allora, le minacce contro le donne afghane – e le persone affiliate al precedente governo – si sono intensificate.
La scorsa settimana, l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michele Bachelet, ha dichiarato al Consiglio per i diritti umani che il suo ufficio aveva sentito “diverse accuse” dei talebani che andavano porta a porta, alla ricerca di funzionari governativi specifici e persone che avevano collaborato con gli Stati Uniti.
Inoltre, ha affermato che le donne sono state “progressivamente escluse dalla sfera pubblica” e hanno dovuto affrontare crescenti restrizioni in “numerosi settori professionali”.
Nabila ha detto che non passò molto tempo prima di ricevere minacce di morte.
“Un paio di giorni dopo l’arrivo dei talebani a Kabul, è stato chiamato il mio numero personale e sono stato minacciato di vendetta, minacciato di omicidio”, ha detto Nabila.
Ha cancellato i suoi numeri di telefono e ora la famiglia si sposta di casa in casa ogni pochi giorni per evitare di essere rintracciata.
Finora solo poche dozzine di giudici donne sono riuscite a fuggire dall’Afghanistan. Per chi è bloccato in Afghanistan, la frustrazione e la paura stanno aumentando.
“Siamo stati privati ​​del nostro diritto al lavoro”, ha detto Nabila. “Ci risulta impossibile vivere in Afghanistan”.
Ruiz ha ribadito che non si arrenderanno finché ogni giudice donna non sarà al sicuro.
“Non li abbandoneremo. Non li dimenticheremo. E non lasceremo che il mondo li ignori”, ha detto Ruiz.
“Non ci fermeremo finché questo lavoro non sarà completato e ogni giudice donna che è minacciata e desidera lasciare l’Afghanistan è in grado di farlo”.
Nonostante i pericoli, Nabila si dedica alla carriera che ha scelto e spera un giorno di tornare in panchina.
“Non mi pento affatto del campo che ho scelto e per il quale ho studiato per molti anni”, ha detto Nabila.
“Lavoriamo da molti anni per combattere la violenza, l’oppressione e l’ingiustizia, e voglio continuare con il mio lavoro”.
Il coraggio di Nabila è guidato dalla passione di proteggere le donne più vulnerabili dell’Afghanistan e di cercare di creare un futuro migliore per le sue figlie, una generazione che ora affronta una realtà oscura sotto il nuovo regime.
- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati