Afghanistan. Forte terremoto al confine con il Pakistan. 280 vittime. Oltre 150 feriti

- Advertisement -

AgenPress –  Un terremoto di magnitudo 6.1 ha ucciso almeno 280 persone in Afghanistan,  al confine con il Pakistan.  Secondo l’Istituto geofisico statunitense (Usgs) la scossa è stata registrata a 44 km a sudovest di Khost, ad una profondità di 10 km. Il Centro Sismologico Euro Mediterraneo riporta che il terremoto è stato avvertito in un raggio di oltre 500 km, non solo in Afghanistan e Pakistan ma anche in India.

“Forti e lunghe scosse”, ha scritto un residente della capitale afgana, Kabul, sul sito web del Centro sismologico europeo mediterraneo (EMSC).

- Advertisement -

Le fotografie dei media afgani mostravano case ridotte in macerie e corpi coperti da coperte a terra.

L’EMSC ha fissato la magnitudo a 6,1 anche se l’USGC ha affermato che era 5,9.

La maggior parte delle morti confermate si è verificata nella provincia afgana orientale di Paktika, dove 255 persone sono state uccise e più di 200 ferite, ha affermato Salahuddin Ayubi, funzionario del ministero degli interni.

- Advertisement -

Nella provincia di Khost, 25 persone sono state uccise e 90 portate in ospedale. 

“È probabile che il bilancio delle vittime aumenti poiché alcuni villaggi si trovano in aree remote tra le montagne e ci vorrà del tempo per raccogliere i dettagli”.

Le autorità hanno avviato un’operazione di salvataggio e gli elicotteri sono stati utilizzati per raggiungere i feriti e portare forniture mediche e cibo, ha aggiunto.

Il tremore è stato avvertito da circa 119 milioni di persone in Pakistan, Afghanistan e India, ha affermato l’EMSC su Twitter. Non ci sono state segnalazioni immediate di danni o vittime in Pakistan.

L’Afghanistan sta attraversando una grave crisi economica da quando i talebani hanno preso il controllo di agosto, mentre le forze internazionali guidate dagli Stati Uniti si stavano ritirando dopo due decenni di guerra.

In risposta alla presa di potere dei talebani, molti governi hanno imposto sanzioni al settore bancario afghano e tagliato miliardi di dollari di aiuti allo sviluppo.

Gli aiuti umanitari sono continuati e nel Paese operano agenzie internazionali come le Nazioni Unite.

Un portavoce del ministero degli Esteri afghano ha detto che accoglierebbero favorevolmente l’aiuto di qualsiasi organizzazione internazionale.

Gran parte dell’Asia meridionale sono sismicamente attive perché una placca tettonica nota come placca indiana si sta spingendo a nord nella placca eurasiatica.

Nel 2015 un terremoto ha colpito il remoto nord-est afgano, uccidendo diverse centinaia di persone in Afghanistan e nel vicino Pakistan settentrionale.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati