Dati Covid in tempo Reale

All countries
346,785,297
Confermati
Updated on 22 January 2022 01:45
All countries
274,352,606
Ricoverati
Updated on 22 January 2022 01:45
All countries
5,603,036
Morti
Updated on 22 January 2022 01:45

Afghanistan. Le donne parlamentari scappate continuano la lotta contro i talebani. Ma c’è chi vuole tornare nel paese

- Advertisement -

AgenPress – Mashid (non è il suo vero nome) si è nascosta subito dopo la presa del potere da parte dei talebani, mantenendosi permanentemente in movimento. Non ha mai dormito nella stessa casa due notti di fila.

Non voleva rischiare di portare la sua famiglia all’aeroporto di Kabul, dove c’erano folla, scene caotiche e più di un’esplosione.  “Le porte dell’Afghanistan si sono chiuse”, racconta.

- Advertisement -

Ma due settimane fa Mashid ha indossato un burka, coprendosi completamente il viso, ed è salita su un autobus con i suoi figli. Si sono diretti prima a Herat e poi al confine iraniano. “I talebani, non costringono le donne a rivelare il loro volto coperto”.

Se fosse stata identificata a un posto di blocco talebano, sarebbe stata sicuramente detenuta. Ma i funzionari non si aspetterebbero che un parlamentare indossi un burka, dice, e “pensano che tutti i politici e le attiviste afgane siano stati evacuati”.

Dopo 10 giorni di viaggio attraverso l’Iran, Mashid si ritrova in Turchia. Ma non vuole restare, perché teme che le autorità turche non le permettano di rimanere politicamente attiva.

- Advertisement -

Vuole continuare a raccontare al mondo l'”orrore” affrontato ora da donne e ragazze in Afghanistan e a fare campagna per il cambiamento. Per ora nasconde la sua identità, per proteggere i parenti rimasti in Afghanistan.

Nove dei 69 parlamentari donne rimangono in Afghanistan, in clandestinità. Altre sono riuscite a ottenere posti sui voli di evacuazione.

Dei 46 attualmente in Europa, la maggior parte si trova in Grecia, Albania e Turchia. Le altre si sono rifugiate in una dozzina di paesi dall’Australia al Qatar.

Serina (anche lui non è il suo vero nome) è stata trasportata in aereo in Germania con suo marito e un bambino di tre mesi. Prima di lasciare l’Afghanistan ha contratto la tubercolosi e ora è in cura con antibiotici, mentre si trova in un campo per richiedenti asilo.

Racconta  che non avrebbe mai immaginato di dover fuggire dal suo paese e si sente persa in un continente che non ha mai visitato, in un paese di cui non parla la lingua.

“Ho passato giorni tristi e sono ancora in una brutta situazione, ma ogni volta che mi vengono in mente i problemi che ogni afghano sta attraversando ora, dimentico il mio dolore”.

Non si tratta di tornare in Afghanistan, dice Serina. Può solo aspettare che lei, suo marito e il bambino si trasferiscano in una nuova casa in una città tedesca e possano ricominciare la loro vita, facendo tutto il possibile per mantenere un legame con la casa che hanno lasciato.

“Sono stata allevata nella guerra e nella miseria”, dice. “Ma crescerò mio figlio nella stessa cultura, costumi e sentimenti della mia patria”.

Ma ovunque finiscano, la maggior parte delle parlamentari, come Mashid, vuole continuare a lottare per i diritti delle donne. Un’idea è quella di formare un “parlamento in esilio” di donne, per attirare l’attenzione sulla violazione dei diritti delle donne in Afghanistan e mantenere alta la pressione sui talebani.

Elay Ershad (in foto)  non era un membro dell’ultimo parlamento afghano, ma in precedenza era stato deputato per più di un decennio e in seguito era stato portavoce del presidente Ashraf Ghani. I talebani le hanno congelato il conto in banca dopo la presa del potere,  ma lei non ha sentito il bisogno di nascondersi ed è volata fuori dal paese con un volo commerciale a settembre.

Ora si sta preparando a tornare, sperando in protezione dai contatti con i talebani, ed è scettica sulle possibilità di fare la differenza in Afghanistan dall’esterno.

“Non è possibile lavorare da altri paesi o dall’estero. Dobbiamo essere all’interno dell’Afghanistan. La soluzione si trova in Afghanistan e dovremmo trovarla in Afghanistan”.

Il suo piano è lavorare con le ONG internazionali per creare scuole per ragazze e difendere il diritto delle donne all’istruzione, “anche se è sotto un governo talebano”, afferma.

“Se scappi da un problema, il problema sarà lì per sempre.”

 

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati