Afghanistan. Le studentesse che non possono andare a scuola diventano sarte per aiutare le famiglie

- Advertisement -

AgenPress – Le studentesse al di sopra del sesto anno a cui era stato vietato di frequentare la scuola hanno iniziato a lavorare in una sartoria nella provincia occidentale di Herat.

Quasi 70 ragazze hanno detto che per scongiurare la depressione hanno iniziato a dedicarsi alla sartoria, e ora hanno uno stipendio e possono aiutare economicamente le loro famiglie.

- Advertisement -

In questa sartoria vengono prodotti vari tipi di abiti, borse, maglioni e calze. Ci sono anche lavoratori maschi che lavorano in questa fabbrica.

“Dopo che gli studenti sono stati privati ​​della scuola e sono diventati disoccupati, hanno iniziato l’attività qui”, ha affermato Bas Gul, il capo del laboratorio. 

La maggior parte dei sarti sono quelle ragazze a cui non è stato permesso di tornare a scuola e sono venute al negozio per lavoro. 

- Advertisement -

“Intorno alla data di chiusura delle porte delle scuole ho iniziato a lavorare qui… Prima d’ora potevo cucire”, ha detto Zahra Merzaye, una studentessa. 

In officina lavorano anche alcune casalinghe. Ogni donna è capofamiglia per la propria famiglia.  

“Soprattutto in questa situazione possiamo cooperare economicamente con le nostre famiglie”, ha affermato Yagana Safare, residente a Herat. 

Sono passati quasi sette mesi da quando le scuole secondarie e superiori sono state chiuse per le studentesse.  

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati