Afghanistan. Le vedove di Uruzgan costrette a chiedere l’elemosina. “I nostri figli sono malati, non abbiamo soldi”

- Advertisement -

AgenPress – Alcune vedove che hanno perso i mariti negli ultimi anni di conflitto nella provincia meridionale di Uruzgan affermano di trovarsi in una grave condizione economica.

Hanno detto che sono i capifamiglia delle loro famiglie e devono elemosinare soldi per le strade del capoluogo di provincia di Tarn Kot.  

- Advertisement -

“I miei figli sono malati. Non ho soldi per comprare loro le medicine e non c’è un capofamiglia”, ha detto Haseena, una vedova.  

“Vengo da Kandahar e sono venuto qui. Ho tre figli e dovrei dar loro da mangiare”, ha detto Asma, una vedova.  

Queste vedove hanno detto che i loro figli sono privati ​​dell’istruzione a causa della povertà. Hanno invitato le organizzazioni competenti a fornire loro opportunità di lavoro.  

- Advertisement -

“Spero di trovare lavoro, sarò felice. I miei figli hanno sete e muoiono di fame”, ha detto Sador Gul, una vedova.  

“Potrebbero aiutarci fornendo una fabbrica di cucito o un negozio”, ha detto Hameeda, una vedova.  

Nel frattempo, i funzionari locali di Uruzgan hanno affermato che stanno cercando di affrontare le sfide delle vedove.  

“Abbiamo condotto un’indagine sulle persone che chiedono l’elemosina per le strade, compresi i bambini, gli orfani ei disabili. L’elenco sarà fornito al dipartimento degli affari dei disabili”, ha affermato Gul Agha, capo del dipartimento provinciale dei lavori pubblici.  

Con la caduta dell’ex governo e il congelamento dei beni afgani da parte degli Stati Uniti, l’economia già debole del paese è peggiorata gravemente.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati