Afghanistan. Protesta donne a Kabul contro sanzioni Occidente a sostegno dei talebani

- Advertisement -

AgenPress – Dozzine di donne hanno protestato a Kabul mercoledì per i beni della banca centrale afgana congelati all’estero. La manifestazione arriva nel mezzo di gravi sfide economiche e finanziarie in Afghanistan.

I manifestanti hanno anche chiesto alla comunità internazionale di riconoscere l’Emirato islamico.

- Advertisement -

I manifestanti hanno anche invitato i paesi vicini all’Afghanistan a non intervenire negli affari interni dell’Afghanistan.

Al termine della loro protesta hanno letto le loro richieste e hanno invitato la comunità internazionale e le organizzazioni internazionali, in particolare l’Organizzazione Mondiale della Sanità, a non lasciare l’Afghanistan da solo in questo momento difficile.

“La comunità internazionale dovrebbe riconoscere l’Emirato islamico. Gli Stati Uniti dovrebbero rilasciare immediatamente denaro afgano. La comunità internazionale ei vicini dell’Afghanistan non dovrebbero intervenire negli affari interni dell’Afghanistan”, ha affermato Basira Didar, una manifestante.

- Advertisement -

“Il denaro appartiene al popolo dell’Afghanistan e dovrebbe essere rilasciato perché il popolo dell’Afghanistan si trova in una brutta situazione”, ha detto Hafiza Amiri, un manifestante.

Le donne manifestanti hanno anche chiesto alle donne di onorare l’hijab islamico.

“Non indossiamo l’hijab a causa dei talebani o di altre persone. Indossiamo l’hijab perché Dio ha detto di indossarlo e c’è onore nell’indossare l’hijab”, ha detto Fatima, un manifestante.

Dopo il crollo del precedente governo lo scorso anno, oltre 9 miliardi di dollari di attività della banca centrale afghana sono stati congelati in banche all’estero, principalmente negli Stati Uniti.

Con i beni che rimangono congelati e il sostegno internazionale ai progetti di sviluppo interrotto, l’Afghanistan deve ora affrontare gravi sfide economiche e umanitarie.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati