Afghanistan. Reazioni alla chiusura scuole per bambine dai 7 ai 12 anni. Onu, violati i diritti

- Advertisement -

AgenPress – La chiusura delle scuole per ragazze dalle classi 7-12 ha suscitato forti reazioni da parte della comunità internazionale, comprese le Nazioni Unite.

Il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha affermato che “la mancata riapertura delle scuole per le ragazze al di sopra del 6° anno da parte delle autorità talebane è profondamente deludente e dannosa per l’Afghanistan”.  

- Advertisement -

“L’inizio del nuovo anno scolastico è stato anticipato da tutti gli studenti, ragazze e ragazzi, genitori e famiglie”, ha affermato Guterres in una nota. 

L’Emirato islamico aveva annunciato in precedenza che avrebbe riaperto tutte le scuole per studenti maschi e femmine in tutto il paese, ma mercoledì, il primo giorno dell’anno scolastico, gli studenti oltre il sesto anno non sono stati autorizzati a frequentare le loro scuole e gli è stato detto di rimanere a casa. fino a nuovo avviso.  

“La negazione dell’istruzione viola i diritti umani delle donne e delle ragazze – al di là del loro uguale diritto all’istruzione, le lascia più esposte alla violenza, alla povertà e allo sfruttamento”, ha affermato Ravina Shamdasani, portavoce dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani.   

- Advertisement -

“Questa è una grave battuta d’arresto per i bambini in tutto l’Afghanistan e l’UNICEF è profondamente preoccupato per l’impatto di questa decisione sulle ragazze, sul loro apprendimento e sulla salute mentale”, ha affermato Sam Mort, capo della comunicazione, advocacy e impegno civico dell’UNICEF Afghanistan.  

Il segretario americano Antony Blinken ha reagito alla chiusura delle scuole per ragazze al di sopra del sesto anno e ha definito l’istruzione un diritto umano fondamentale. “Gli Stati Uniti rifiutano le scuse dei talebani per invertire il loro impegno nei confronti del popolo afghano che tutti gli afgani potrebbero tornare a scuola a tutti i livelli oggi”, ha affermato.  

Oltre ai politici afgani e ai funzionari mondiali, anche persone vicine al governo hanno suggerito che l’istruzione è un diritto fondamentale degli esseri umani.  

“Le ragazze devono essere immediatamente autorizzate ad andare a scuola. L’istruzione è un elemento islamico, umano e fondamentale (a destra)”, ha affermato Malala Yousafzai, attivista per i diritti dell’istruzione.  

Nel frattempo, giovedì il Ministero dell’Istruzione ha dichiarato di aver inviato un piano per l’approvazione del Primo Ministro sull’istruzione delle ragazze nelle classi 7-12.  

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati