Dati Covid in tempo Reale

All countries
263,893,043
Confermati
Updated on 2 December 2021 10:07
All countries
236,464,376
Ricoverati
Updated on 2 December 2021 10:07
All countries
5,245,152
Morti
Updated on 2 December 2021 10:07

Afghanistan. Vende la figlia di 9 anni come sposa ad un uomo di 55 per sfamare la famiglia

- Advertisement -

AgenPress – Parwana Malik, una bambina di 9 anni con gli occhi scuri e le guance rosee, ridacchia con le sue amiche mentre giocano con la corda per saltare in una radura polverosa.

Ma la risata di Parwana scompare mentre torna a casa, una piccola capanna con i muri di terra, dove le viene in mente il suo destino: viene venduta a uno sconosciuto come sposa bambina. Lo riporta la CNN. 
L’uomo che vuole comprare Parwana dice di avere 55 anni, ma per lei è “un vecchio” con le sopracciglia bianche e una folta barba bianca, ha detto alla CNN il 22 ottobre. Teme che la picchierà e la costringerà a lavorare nel suo Casa.
Ma i suoi genitori dicono che non hanno scelta.
Per quattro anni, la sua famiglia ha vissuto in un campo di sfollati afghano nella provincia nordoccidentale di Badghis, sopravvivendo con aiuti umanitari e lavori umili guadagnando pochi dollari al giorno. Ma la vita è solo diventata più dura da quando i talebani hanno preso il potere in Afghanistan il 15 agosto.
Mentre gli aiuti internazionali si esauriscono e l’economia del paese crolla, non sono in grado di permettersi beni di prima necessità come il cibo. Suo padre ha già venduto sua sorella di 12 anni diversi mesi fa.
Parwana è una delle tante giovani ragazze afgane vendute per sposarsi mentre la crisi umanitaria del paese si aggrava. La fame ha spinto alcune famiglie a prendere decisioni strazianti, soprattutto con l’avvicinarsi del brutale inverno.
I genitori hanno dato alla CNN pieno accesso e permesso di parlare con i bambini e mostrare i loro volti, perché dicono che non possono cambiare la pratica da soli.
“Giorno dopo giorno, aumenta il numero delle famiglie che vendono i propri figli”, ha affermato Mohammad Naiem Nazem, attivista per i diritti umani a Badghis. “Mancanza di cibo, mancanza di lavoro, le famiglie sentono di doverlo fare”.
Abdul Malik, il padre di Parwana, non riesce a dormire la notte. Prima della vendita, ha detto alla CNN che è “distrutto” dal senso di colpa, dalla vergogna e dalla preoccupazione.
Aveva cercato di evitare di venderla: si è recato nella capitale provinciale Qala-e-Naw per cercare senza successo un lavoro, anche prendendo in prestito “un sacco di soldi” dai parenti, e sua moglie è ricorsa all’elemosina per il cibo dagli altri residenti del campo.
Ma sentiva di non avere scelta se voleva sfamare la sua famiglia.
“Siamo otto membri della famiglia. Devo vendere per mantenere in vita gli altri membri della famiglia”.
I soldi della vendita di Parwana sosterranno la famiglia solo per pochi mesi, prima che Malik debba trovare un’altra soluzione. 
Parwana ha detto che sperava di far cambiare idea ai suoi genitori: sognava di diventare un’insegnante e non voleva rinunciare alla sua istruzione. Ma le sue suppliche furono inutili.
Il 24 ottobre, Qorban, l’acquirente, che ha un solo nome, è arrivata a casa sua e ha consegnato 200.000 afgani (circa 2.200 dollari) sotto forma di pecore, terra e contanti al padre di Parwana.
Qorban non ha descritto la vendita come un matrimonio, dicendo che aveva già una moglie che si sarebbe presa cura di Parwana come se fosse uno dei loro figli.
“(Parwana) era a buon mercato, e suo padre era molto povero e ha bisogno di soldi”, ha detto Qorban. “Lavorerà a casa mia. Non la picchierò. La tratterò come un membro della famiglia. Sarò gentile”.
Parwana, vestita con un copricapo nero con una ghirlanda floreale colorata intorno al collo, nascose il viso e piagnucolò mentre suo padre piangeva disse a Qorban: “Questa è la tua sposa. Per favore, prenditi cura di lei – sei responsabile per lei ora, per favore non picchiarla.”
Qorban acconsentì, poi afferrò il braccio di Parwana e la condusse fuori dalla porta. Mentre se ne andavano, suo padre che guardava dalla porta, Parwana affondò i piedi nella terra e cercò di allontanarsi, ma fu inutile. È stata trascinata verso l’auto in attesa, che lentamente si è allontanata.
- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati