Antimafia. Sono 18 gli impresentabili alle comunali. A Palermo, 3 del centrodestra e uno del Pd

- Advertisement -

AgenPress –  Sono 18 i candidati alle elezioni amministrative di domenica ritenuti “impresentabili” dalla Commissione Antimafia, secondo il codice di autoregolamentazione dei partiti e la legge Severino. È di 19mila candidati la platea presa in considerazione dalla Commissione.

Il numero degli impresentabili è stato reso noto dal presidente della Commissione Nicola Morra, “con la doverosa premessa che sono arrivate delle note di rettifica anche nel pomeriggio e che provvederemo a rettificare i giudizi di impresentabilità anche lunedì”.

- Advertisement -

“Sono tante le posizioni afferenti i capoluoghi di provincia, e c’è addirittura un candidato sindaco”, ha detto  Morra, leggendo la lista degli impresentabili. In particolare, sono quattro le posizioni a Palermo, tre a Frosinone tra cui anche un candidato sindaco, uno Gorizia, uno Piacenza, uno a Taranto, uno a Verona.

A Palermo tre del centrodestra e uno del Pd. Per il centrodestra Totò Lentini, Giuseppe Milazzo e La Mantia; Giuseppe Lupo per il Pd. 

Per Francesco La Mantia della lista “Noi con l’Italia” in sostegno di Roberto Lagalla, l’Antimafia segnala la condanna per riciclaggio; Totò Lentini che guida la lista ‘Alleanza per Palermo’ (anche questa in appoggio a Lagalla) è finito nella black list per tentativo di concussione (dibattimento in corso); Giuseppe Lupo del Pd (sostiene Franco Miceli) per corruzione; Giuseppe Milazzo di Fratelli d’Italia (Lagalla) per concussione (dibattimento in corso).

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati