Dati Covid in tempo Reale

All countries
262,813,171
Confermati
Updated on 30 November 2021 20:05
All countries
235,514,543
Ricoverati
Updated on 30 November 2021 20:05
All countries
5,229,970
Morti
Updated on 30 November 2021 20:05

Australia. I koala stanno morendo di clamidia e il cambiamento climatico peggiora la situazione

- Advertisement -

AgenPress – Un killer silenzioso si sta diffondendo tra la popolazione di koala australiana, rappresentando una minaccia che secondo gli esperti della fauna selvatica potrebbe spazzare via l’iconico marsupiale in gran parte del paese.

Il colpevole è la clamidia, un virus a trasmissione sessuale che infetta più di 100 milioni di persone in tutto il mondo ogni anno e può causare infertilità negli esseri umani se non trattato.
Per i koala, la clamidia incontrollata può causare cecità e cisti dolorose nel tratto riproduttivo di un animale che possono portare alla sterilità o addirittura alla morte.
Peggio ancora, gli antibiotici usati per curare la malattia possono distruggere la delicata flora intestinale di cui i koala hanno bisogno per consumare la loro dieta di base di foglie di eucalipto, portando alcuni a morire di fame anche dopo essere stati curati.
La malattia può anche diffondersi rapidamente.
Il marsupiale grigio dalle orecchie soffici, che mangia le foglie dell’albero di eucalipto e porta i suoi piccoli nella sua sacca, si trova solo in Australia ed è regolarmente visto nelle rappresentazioni culturali del paese.
Ma i koala affrontano una serie di minacce alla loro sopravvivenza. Oltre alle malattie, i marsupiali subiscono la perdita dell’habitat e sono spesso attaccati da licaoni e investiti dalle auto.
Il koala è elencato come “vulnerabile” nella Lista rossa dell’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN), che cataloga le specie a rischio di estinzione. L’IUCN dice che ci sono tra 100.000 e mezzo milione di koala in natura, ma l’Australian Koala Foundation dice che il numero è più vicino a 58.000.
La popolazione di koala del paese ha subito gravi perdite durante i catastrofici incendi boschivi del 2019, che hanno distrutto oltre 12 milioni di acri (48.000 chilometri quadrati) di terra nel solo Nuovo Galles del Sud .
Gli incendi hanno ucciso o spostato quasi 3 miliardi di animali , secondo il World Wide Fund for Nature (WWF). Quella cifra include più di 60.000 koala che sono morti, hanno perso il loro habitat o hanno subito lesioni, traumi, inalazione di fumo e stress da calore a causa delle fiamme.
La crisi climatica ha reso l’Australia più vulnerabile ai devastanti incendi boschivi, come quelli osservati nel 2019, nonché alla siccità e alle ondate di calore. Inoltre, rende i koala più suscettibili alle malattie.
Secondo il principale ente scientifico australiano, la Commonwealth Scientific and Industrial Research Organization (CSIRO), il paese si è già riscaldato in media di circa 1,44 gradi dal 1910.
Il rapporto del governo australiano afferma che quando i marsupiali sono esposti a condizioni ambientali insolitamente stressanti, tra cui “caldo, siccità, perdita e frammentazione dell’habitat”, la clamidia si diffonde più rapidamente attraverso la loro popolazione.
Ma l’aiuto potrebbe dal vaccino  contro la clamidia, sviluppato dal ricercatore Peter Timms, professore di microbiologia presso l’Università della Sunshine Coast in Australia, ha affermato che una volta che gli ormoni dello stress dei koala aumentano a causa di problemi ambientali, le infezioni spesso progrediscono da un problema relativamente minore a “più serio”.
Sono in corso studi di controllo per testare l’efficacia del vaccino su piccoli gruppi di koala, spesso circa 20 o 30 alla volta, ha detto Timms. L’attuale processo è il più grande mai realizzato, coinvolgendo 400 koala.
Alcuni koala vengono vaccinati quando vengono portati negli ospedali veterinari con disturbi diversi dalla clamidia, mentre ad altri viene somministrato il vaccino come parte degli sforzi di conservazione coesistenti, ha aggiunto.
“Sappiamo che il vaccino può ridurre il tasso di infezione. Non lo riduce a zero. Non ci sono vaccini che lo fanno, ma riduce il carico di infezione.”
- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati