Auto su asilo. Papà Tommaso: è stata una fatalità. “Figlio donna ha tolto la marcia inavvertitamente”

- Advertisement -

AgenPress –  “E’ stata una fatalità, una disgrazia, la madre dei gemellini non c’entra nulla, non coviamo un senso di vendetta nei confronti di quella donna”.

Lo ha detto Patrizio D’Agostino, il papà del piccolo Tommaso morto a 4 anni nell’asilo di Pile travolto dalla macchina sfrenata di una donna 38enne, a La Repubblica. L’uomo, che abita a pochi metri dall’asilo Primo Maggio, dopo aver raccontato le convulse vicende dei sanitari intorno al piccolo ha poi detto “speravo si riprendesse ma avevo la convinzione che fosse già morto”.

- Advertisement -

Dall’interrogatorio di oggi della donna è emerso che sarebbe stato “un errore umano, una marcia tolta inavvertitamente”, la causa dello sfrenamento della Passat che è piombata sull’asilo Primo Maggio uccidendo un bambino e ferendone altri cinque.

La donna ha ribadito quanto dichiarato ieri di aver tentato di frenare la macchina con le mani, senza riuscirci. Nell’auto parcheggiata era rimasto il figlio 12enne. “Mi ha avvertito mio figlio gridando mamma!”, avrebbe detto la donna in lacrime ai giudici. Il ragazzino si è poi buttato dalla macchina in corsa.

La donna ha rischiato anche lei di essere travolta dalla macchina “e solo alla fine mi sono dovuta scansare”, avrebbe detto. “Ricordo quando ho parcheggiato di aver inserito la prima marcia ma non il freno a mano”. Si è trattato in alcuni momenti di un interrogatorio drammatico, durante il quale si è detta “disperata”, assieme a tutta la famiglia per il dolore provocato per la morte del piccolo Tommaso e il ferimento degli altri cinque bimbi. Piangendo la 38enne, che è indagata per omicidio stradale, ha confessato che “mi ha detto mio figlio di aver inavvertitamente tolto la marcia. Mio figlio si è anche ferito nel gettarsi dall’abitacolo”.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati