Dati Covid in tempo Reale

All countries
263,842,241
Confermati
Updated on 2 December 2021 09:07
All countries
236,416,099
Ricoverati
Updated on 2 December 2021 09:07
All countries
5,244,383
Morti
Updated on 2 December 2021 09:07

Bielorussia. L’Europa assiste alla tragedia dei 2000 migranti ammassati al confine, molti morti di freddo

- Advertisement -

AgenPress – L’aria nella foresta bielorussa è densa del fumo di decine di piccoli incendi. Le persone tossiscono e soffocano ma continuano a bruciare i bastoncini di legno bagnato: è l’unico modo per riscaldarsi quando le temperature iniziano a scendere bruscamente.

La prossima settimana, il mercurio scenderà vicino a zero gradi Celsius (32 Fahrenheit) di notte; è prevista anche pioggia. L’inverno sta arrivando e sono allo scoperto, coinvolti in una tempesta geopolitica che non accenna a diminuire.
Ci sono 200 bambini e 600 donne su circa 2.000 persone ammassate lungo il valico di frontiera Bruzgi-Kuznica che separa la Bielorussia dalla Polonia.
Alcuni di questi sono solo neonati o bambini piccoli. I migranti, la maggior parte dei quali provenienti dal Medio Oriente e dall’Asia, cercano di entrare illegalmente in Polonia e da lì in altri paesi europei, in particolare in Germania, in cerca di una vita migliore.
Pochi fortunati hanno tende piccole; altri hanno ricavato rozzi ripari dai rami e dai rami delle conifere che li circondano. Dietro di loro c’è la foresta; di fronte al recinto di filo spinato eretto dalla Polonia per tenerli lontani, pattugliato dalla polizia polacca, dalle guardie di frontiera e dai soldati.
Alcuni stanno aspettando da settimane di provare ad attraversare il confine e c’è un senso di rabbia e frustrazione nell’aria. Alcuni migranti sono già morti al freddo; l’ipotermia è un rischio reale .
La Croce Rossa bielorussa sta consegnando cibo e acqua, ma i migranti  hanno affermato che le consegne erano insufficienti e incerte.
C’è a malapena abbastanza per mantenere in vita quelli che sono già qui – e i funzionari di frontiera dello stato bielorusso hanno stimato che il numero di persone nella regione di confine aumenterà a 5.000 entro una settimana.
Mentre la gente disperata si affrettava a prendere legna da ardere, tronchi su cui sedersi e altri rifornimenti dai camion che portavano aiuti, le forze armate bielorusse hanno cercato di respingerli. Quelli che si accalcavano intorno a uno di questi camion che trasportavano acqua furono fatti inginocchiare sul terreno freddo prima che ad alcuni fosse permesso di raccogliere le bottiglie. “Ho fame, ho fame”, ha detto una ragazza in inglese.
I leader occidentali hanno accusato la Bielorussia di aver inventato una crisi dei migranti sulla frontiera orientale dell’Unione europea come punizione per le sanzioni per le violazioni dei diritti umani.
Il governo del presidente Alexander Lukashenko ha ripetutamente negato tali affermazioni, accusando invece l’Occidente per i valichi e accusandolo di maltrattamento dei migranti.
La Russia, il più grande partner politico ed economico della Bielorussia, continua a difendere la gestione della crisi dei confini da parte di Minsk, negando al tempo stesso qualsiasi coinvolgimento in essa.
Il presidente Vladimir Putin ha dichiarato in un’intervista trasmessa domenica dal canale televisivo Russia-1 che la Russia è “pronta ad aiutare in ogni modo possibile se, ovviamente, qualcosa dipenderà da noi qui”, ha riferito l’agenzia di stampa statale TASS.
Putin ha anche messo la responsabilità della crisi alle porte dell’Ue, accusandola di creare le condizioni per l’afflusso di migranti. “E ora stanno cercando qualcuno da incolpare, per assolversi dalla responsabilità degli eventi che stanno avvenendo”.
Sabato il ministro dell’Interno polacco Mariusz Kaminski ha definito il peggioramento della situazione “un attacco all’intera Unione europea che utilizza una crisi migratoria creata artificialmente”.
- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati