Brasile. Con Jair Bolsonaro è aumentata la distruzione della foresta amazzonica da parte di “criminali ambientali”

- Advertisement -

AgenPress – Da quando Jair Bolsonaro è diventato Presidente del Brasile, nel 2019, la deforestazione amazzonica è aumentata del 75,6 per cento, gli allarmi per gli incendi forestali sono cresciuti del 24 per cento e le emissioni di gas serra del Paese sudamericano  sono aumentate del 9,5 per cento. 

Secondo i dati raccolti dall’Istituto brasiliano di ricerche spaziali (INPE), nel 2019, anno in cui Bolsonaro entrò in carica, il tasso annuo di deforestazione in Amazzonia era di 7.536 km2. Tre anni dopo, l’INPE ha annunciato che, tra agosto 2020 e luglio 2021, sono stati distrutti 13.235 km2 di Amazzonia: un aumento del tasso di deforestazione di oltre il 75 per cento rispetto al 2018. Un inesorabile peggioramento che si presagiva già durante il primo anno di governo, in cui la deforestazione in Amazzonia era aumentata del 34% rispetto al 2018, passando da 7.536 km2 a 10.129 km2 di foresta distrutta.

- Advertisement -

I criminali ambientali nell’Amazzonia brasiliana hanno distrutto foreste pluviali pubbliche pari alle dimensioni di El Salvador negli ultimi sei anni, eppure la Polizia Federale – la versione brasiliana dell’FBI – ha effettuato solo sette operazioni volte a questa massiccia perdita , secondo un nuovo studio.

La distruzione è avvenuta in foreste statali e federali che sono “non allocate”, il che significa che non hanno un uso designato come fanno i parchi nazionali e i territori indigeni. Secondo i dati ufficiali, la foresta pluviale amazzonica brasiliana ha circa 580.000 chilometri quadrati (224.000 miglia quadrate) di foreste in questa categoria, o un’area grande quasi quanto l’Ucraina.

Poiché il Brasile ha ripetutamente legalizzato tali invasioni, queste foreste pubbliche sono diventate l’obiettivo principale dei criminali che si impossessano illegalmente di terre.

- Advertisement -

Lo studio, dell’Istituto Igarapé, un think tank brasiliano, ha analizzato 302 raid di criminalità ambientale effettuati dalla polizia federale in Amazzonia tra il 2016 e il 2021. Solo il 2% ha preso di mira persone che sequestravano illegalmente terreni pubblici non designati.

Il rapporto afferma che la mancanza di applicazione deriva probabilmente dalla debole protezione legale di queste aree, in altre parole, dallo stesso problema che attira l’attività illegale. Gli ambientalisti hanno a lungo sollecitato il governo federale a trasformare queste foreste pubbliche non assegnate in aree protette.

Dal ritorno del Brasile al governo democratico nel 1985 dopo due decenni di governo militare, la maggior parte dei governi successivi si è mossa per estendere la protezione legale e oggi circa il 47% dell’Amazzonia si trova all’interno di aree protette, secondo i dati ufficiali. Il presidente di estrema destra Jair Bolsonaro, tuttavia, ha ripetutamente affermato che il Paese ha troppe aree protette e ha bloccato questa politica decennale.

Nel 2016, circa 2240 chilometri quadrati (865 miglia quadrate) di terreno pubblico non assegnato sono stati deforestati illegalmente. L’anno scorso, ha raggiunto quasi il doppio di tale importo. In sei anni, la perdita accumulata ha raggiunto circa 18.500 chilometri quadrati (7.100 miglia quadrate), secondo l’Amazon Environmental Research Institute, o IPAM, sulla base dei dati ufficiali.

La deforestazione si sta verificando sempre più in particolare su queste terre. Nel 2016 costituivano il 31% di tutte le foreste abbattute illegalmente. L’anno scorso hanno raggiunto il 36%.

Quasi la metà dell’inquinamento climatico del Brasile deriva dalla deforestazione, secondo uno studio annuale della rete brasiliana senza scopo di lucro Climate Observatory. La distruzione è così vasta che l’Amazzonia orientale ha smesso di essere un pozzo di carbonio, o assorbitore, per la Terra e si è convertita in una fonte di carbonio, secondo uno studio pubblicato nel 2021 sulla rivista Nature.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati