Brasile. Deforestazione record dell’Amazzonia da parte di Jair Bolsonaro ad aprile

- Advertisement -

AgenPress – La deforestazione rilevata nell’Amazzonia brasiliana ha battuto tutti i record per il mese di aprile, e ciò ha fatto seguito a nuovi record simili stabiliti a gennaio e febbraio, riflettendo un preoccupante aumento della distruzione in uno stato immerso nella foresta pluviale.

Gli allarmi satellitari di deforestazione per aprile corrispondevano a oltre 1.000 chilometri quadrati (quasi 400 miglia quadrate), la cifra più alta per quel mese in sette anni di registrazione e il 74% in più rispetto allo stesso mese del 2021, che era il record precedente.

- Advertisement -

Ha segnato la prima volta che gli allarmi di deforestazione hanno superato i 1.000 chilometri quadrati durante un mese nella stagione delle piogge, che va da dicembre ad aprile.

“Il numero di aprile è molto spaventoso. A causa della pioggia, è tradizionalmente un mese con meno deforestazione”, ha detto all’Associated Press Suely Araújo, specialista senior di politiche pubbliche presso l’Osservatorio climatico, una rete di gruppi ambientalisti.

I dati provengono dal sistema di monitoraggio Deter dell’agenzia spaziale brasiliana e corrispondono ai primi 29 giorni di aprile. I dati relativi al mese intero saranno disponibili la prossima settimana.

- Advertisement -

I dati Deter in precedenza mostravano 430 chilometri quadrati di deforestazione a gennaio, più che quadruplicare il livello dello stesso mese dell’anno scorso. A febbraio ha raggiunto i 199 chilometri quadrati, con un aumento del 62% rispetto al 2021.

L’Amazzonia è la più grande foresta pluviale tropicale del mondo e un enorme pozzo di carbonio. È diffusa la preoccupazione che la sua distruzione non solo rilascerà enormi quantità di carbonio nell’atmosfera, complicando ulteriormente le speranze di arrestare il cambiamento climatico, ma la spingerà anche oltre un punto di svolta dopo il quale gran parte della foresta inizierà un processo irreversibile di degrado in tropicale savana.

Lo stato di Amazonas ha guidato la deforestazione ad aprile, superando gli stati di Para e Mato Grosso solo per la seconda volta mai registrata. Ciò è particolarmente preoccupante, poiché Amazonas è immerso nella foresta pluviale ed è rimasto incontaminato rispetto al cosiddetto arco di deforestazione lungo le aree utilizzate per l’agricoltura e l’allevamento del bestiame.

“L’Amazonas è ancora uno stato molto preservato. Se la deforestazione esplode lì, perderemo il controllo di una regione che è al di fuori della tradizionale regione di deforestazione”, ha detto al telefono Araújo, ex presidente dell’autorità di regolamentazione ambientale del Brasile.

La distruzione di Amazonas si è concentrata nella parte meridionale dello stato, dove il presidente Jair Bolsonaro ha promesso di lastricare un tratto sterrato di 400 chilometri (250 miglia) dell’autostrada BR-319 che collega le città di Manaus e Porto Velho. L’attesa della pavimentazione ha generato speculazioni immobiliari lungo l’autostrada; gli accaparratori di terre si impegnano in una deforestazione su larga scala con l’aspettativa che le aree diventino legali per l’agricoltura o l’allevamento di bestiame in futuro.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati