Burundi. Bambino albino viene rapito ed ucciso. I carnefici gli tagliano braccia e gambe prima di disossarle

- Advertisement -

AgenPress – Il corpo di un albino di quattro anni rapito sabato a Bujumbura, la principale città del Burundi, è stato ritrovato smembrato martedì nel nord-est del Paese, abbiamo appreso dall’associazione Albinos sans frontières e da una fonte amministrativa.

“Un albino di quattro anni di nome Abdul è stato rapito sabato pomeriggio da un gruppo di tre assassini in taxi mentre giocava con altri bambini del quartiere nel quartiere de Kinama”, alla periferia di Bujumbura, portavoce dell’associazione Albinos sans frontières (ASF), Chadrack Nahumuremyi, ha detto all’AFP.

- Advertisement -

I suoi rapitori hanno poi preso la strada per la provincia di Cankuzo, situata a 230 chilometri da Bujumbura, dove hanno ucciso e “smembrato” il bambino, hanno detto il signor Nahumuremyi e un funzionario amministrativo locale, che hanno chiesto l’anonimato.

“Abdul è stato ucciso, poi i suoi carnefici gli hanno tagliato braccia e gambe prima di disossarle e dividergli le ossa. Poi domenica sono andati a gettare i suoi resti in una foresta nel comune di Kigamba”, ha spiegato il funzionario.

“Un bambino pastore li ha visti e ha lanciato l’allarme, provocando l’arresto di due dei tre criminali con ciascuna delle ossa del bambino in una borsa”, ha detto.

- Advertisement -

In molte aree dell’Africa sub-sahariana, gli albini vengono cacciati e uccisi e i loro arti e organi rimossi per essere utilizzati per rituali legati alla stregoneria che si ritiene portino ricchezza e fortuna.

Venti albini sono stati uccisi in Burundi dal 2008 e le loro ossa sono state vendute in Tanzania, dove questo tipo di rituale è comune, ha detto la fonte amministrativa.

L’ultimo caso risale al 2020, secondo Chadrack Nahumuremyi, che chiede alle autorità “di inasprire le pene per i crimini contro gli albini come in Tanzania, dove questi criminali vengono giustiziati pubblicamente per scoraggiare altri che potrebbero pensare di fare lo stesso”.

“Chiediamo anche una maggiore protezione per gli albini nel Paese, perché tutti gli albini con cui ho parlato e le loro famiglie sono terrorizzati e non osano lasciare le loro case”, ha aggiunto, chiedendo anche “la consapevolezza della popolazione affinché comprende che gli albini sono esseri umani (…) che devono essere rispettati come qualsiasi altra persona”.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati