Home Estero Capitol Hill. Steve Bannon condannato per oltraggio al Congresso. “Io sto...

Capitol Hill. Steve Bannon condannato per oltraggio al Congresso. “Io sto con Trump e con la Costituzione”

0
43

AgenPress – Steve Bannon, alleato di lunga data dell’ex presidente Donald Trump, è stato condannato venerdì per oltraggio per aver sfidato una citazione del Congresso della commissione della Camera che indagava sull’insurrezione del 6 gennaio al Campidoglio degli Stati Uniti.

Bannon, 68 anni, è stato condannato dopo un processo di quattro giorni presso un tribunale federale per due capi di imputazione: uno per essersi rifiutato di presentarsi per una deposizione e l’altro per essersi rifiutato di fornire documenti in risposta alla citazione del comitato. La giuria di 8 uomini e 4 donne ha deliberato poco meno di tre ore.

Rischia fino a due anni di prigione federale quando viene condannato il 21 ottobre. Ogni conteggio comporta una pena minima di 30 giorni di carcere.

 “Sono con Trump e con la costituzione”, ha detto Bannon.  “Abbiamo perso una battaglia ma non perderemo la guerra”.

David Schoen, uno degli avvocati di Bannon, ha detto fuori dal tribunale che il verdetto non sarebbe stato valido. “Questo è il primo round”, ha detto Schoen. “Vedrai questo caso annullato in appello”.

Bannon ha sorriso alla lettura del verdetto della giuria. Bannon è il primo del circolo più stretto dell’ex presidente a essere ritenuto colpevole nell’ambito delle indagini sull’assalto del 6 gennaio.

Ma Matthew Graves, il procuratore degli Stati Uniti a Washington, ha dichiarato in una dichiarazione: “La citazione a Stephen Bannon non era un invito che potesse essere rifiutato o ignorato. Il signor Bannon aveva l’obbligo di comparire davanti al comitato ristretto della Camera per testimoniare e fornire documenti. Il suo rifiuto di farlo è stato deliberato e ora una giuria ha ritenuto che deve pagarne le conseguenze”.

Il comitato ha chiesto la testimonianza di Bannon sul suo coinvolgimento negli sforzi di Trump per ribaltare le elezioni presidenziali del 2020. Bannon aveva inizialmente sostenuto che la sua testimonianza era protetta dalla pretesa di Trump di privilegio esecutivo. Ma il pannello della Camera e il Dipartimento di Giustizia sostengono che una tale affermazione è dubbia perché Trump aveva licenziato Bannon dalla Casa Bianca nel 2017 e Bannon era quindi un privato cittadino quando si consultava con l’allora presidente nella corsa alla rivolta su 6 gennaio 2021.

Gli avvocati di Bannon hanno cercato di sostenere durante il processo che non si rifiutava di collaborare e che le date “erano in continuo mutamento”. Hanno sottolineato il fatto che Bannon aveva invertito la rotta poco prima dell’inizio del processo – dopo che Trump aveva rinunciato alla sua obiezione – e si era offerto di testimoniare davanti al comitato.