Catania. Bimba di 5 anni rapita da tre uomini armati incappucciati. Esclusa la criminalità organizzata

- Advertisement -

AgenPress – Elena Del Pozzo,   5 anni è stata rapita ieri pomeriggio da tre uomini incappucciati mentre era con la madre a Piana di Tremestieri. Fino a questo momento non c’è traccia della piccola.

La madre, lunedì 13 giugno, intorno alle 16, si è presentata piangendo innanzi agli uomini dell’Arma della Tenenza di Mascalucia, comune della città metropolitana di Catania. “Hanno rapito la mia bambina”, ha ribadito più volte la donna che ha aggiunto: “Eravamo appena usciti dall’asilo, poco dopo le 15. Hanno bloccato la mia auto, erano in tre incappucciati, uno con la pistola in mano”.

- Advertisement -

I carabinieri si sono recati, questa mattina, nella casa della madre a Mascalucia. Presso la villetta, in via Filippo Turati, si sta svolgendo una ispezione da parte dei carabinieri del Sis, il servizio di investigazioni scientifiche. Che, in casi come questo, ha il compito di rilevare qualsiasi traccia, biologica o meno, che possa essere utile alle indagini. Si tratta di una villetta isolata, attualmente interessata da lavori edili. Che proseguono anche stamattina, nel trambusto generale. Anche le zone adiacenti sono interessate da un’ispezione a medio raggio.

Sono stati sentiti più volte i familiari,  i genitori, gli zii e alcuni dei nonni della piccola. Gli investigatori hanno una ricostruzione maggiormente dettagliata dell’accaduto e un quadro più chiaro, anche se ancora non si sbilanciano su un’ipotesi privilegiata. Il padre della bambina in passato è stato denunciato per spaccio di sostanze stupefacenti e indagato anche per una rapina, reato, quest’ultimo, da cui è stato poi assolto per “non avere commesso il fatto”. La coppia è giovane, poco più che ventenne, ha avuto dei dissidi personali, non apparentemente gravi, tanto che vivrebbero in case separate.

Per Procura e carabinieri, ad essere esclusa è la pista della criminalità organizzata e di una richiesta di riscatto. L’unica ipotesi è stata fatta dal sindaco di Mascalucia, Enzo Magra, che ha parlato di “dinamiche familiari”. 

- Advertisement -

 

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati