Catania. La piccola Elena picchiata dalla madre “autoritaria”. Nonna. “Gliela abbiamo dovuta togliere dalle mani”

- Advertisement -

AgenPress – E’ stata la madre a fare trovare il corpo di Elena, la figlia di 5 anni di cui aveva denunciato ieri il sequestro da parte di uomini armati.

Il ritrovamento, secondo quanto si apprende, è stato possibile grazie alle “pressioni esercitate durante gli interrogatori” dagli investigatori. Nessun altro dato è al momento reso noto. La notizia del ritrovamento è stata confermata dal procuratore di Catania, Carmelo Zuccaro.

- Advertisement -

Disperata Rosaria Testa,  la nonna paterna.  “Avevamo creduto alla storia degli uomini incappucciati: non avevamo ragione di non credere. Elena era una bimba meravigliosa”. Così  della bambina, nel luogo del ritrovamento del corpo della nipotina di cinque anni. “Quando hanno litigato non voleva andare via da casa un giorno la mamma le stava dando botte e gliela abbiamo dovuta togliere dalle mani. Quella mattina l’ho accompagnata a scuola e le ho detto ‘nessuno ti vuole bene più di me’. Lei mi ha guardata e mi ha fatto capire che aveva capito quello che avevo detto. La madre aveva un atteggiamento autoritario e aristocratico. Decideva lei quando portarci la bambina”.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati