Cina. Allarme obesità. Meno apporto calorico ugualmente efficace con il digiuno limitato nel tempo

- Advertisement -

AgenPress – Scienziati cinesi hanno offerto un nuovo consiglio a coloro che cercano di perdere peso: non devi risparmiare la cena, basta ridurre l’apporto calorico giornaliero.

Lo studio pubblicato giovedì sul New England Journal of Medicine ha mostrato che tra i pazienti con obesità, un regime alimentare limitato nel tempo non era più vantaggioso nella riduzione del peso corporeo rispetto alla restrizione calorica giornaliera.

- Advertisement -

Ora, mangiare a tempo limitato come il digiuno intermittente è uno degli approcci popolari per la perdita di peso, ma la sua efficacia a lungo termine non è ancora chiara.

I ricercatori della Southern Medical University di Guangzhou hanno assegnato in modo casuale 139 pazienti con obesità a mangiare a tempo limitato – mangiare solo tra le 8:00 e le 16:00 – con restrizione calorica o solo restrizione calorica giornaliera.

Per 12 mesi, i partecipanti sono stati istruiti a seguire una dieta ipocalorica che consisteva in 1.500-1.800 kcal al giorno per gli uomini e da 1.200 a 1.500 kcal al giorno per le donne, secondo lo studio.

- Advertisement -

Tra i 118 partecipanti che hanno completato la visita di controllo dopo 12 mesi, la perdita media di peso rispetto ai valori originali era di 8,0 kg nel gruppo di digiuno intermittente e di 6,3 kg nel gruppo con la sola limitazione dell’apporto calorico quotidiano.

I ricercatori hanno affermato che i risultati con una differenza inferiore ai due chilogrammi sono stati considerati non significativamente diversi nei due gruppi e che non si sono verificate differenze sostanziali tra i gruppi nel numero di eventi avversi.

Anche i risultati delle analisi delle circonferenze della vita, del Bmi, del grasso corporeo, della massa magra, della pressione sanguigna e di fattori di rischio metabolico erano coerenti con gli esiti, come si legge nello studio. Le conclusioni hanno chiarito che l’effetto dimagrante del digiuno intermittente è principalmente attribuibile alla riduzione delle calorie anziché agli orari di assunzione di cibo.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati