Dati Covid in tempo Reale

All countries
265,228,748
Confermati
Updated on 4 December 2021 07:10
All countries
236,858,284
Ricoverati
Updated on 4 December 2021 07:10
All countries
5,258,927
Morti
Updated on 4 December 2021 07:10

Cina. Denunciò violenza da parte di un funzionario comunista. Cresce preoccupazione per la scomparsa di Peng Shuai

- Advertisement -

AgenPress – Naomi Osaka è  l’ultima atleta a esprimere preoccupazione per Peng Shuai, che non è stato visto in pubblico da quando ha accusato un ex leader di stato cinese di violenza sessuale.

“La censura non va mai bene ad ogni costo, spero che Peng Shuai e la sua famiglia siano al sicuro e a posto. Sono scioccato dalla situazione attuale e le mando amore e luce”, ha detto Osaka come parte di una dichiarazione su Twitter martedì.
Ha incluso l’hashtag #WhereIsPengShuai.
Peng, una delle stelle del tennis più famose della Cina, ha accusato l’ex vice premier Zhang Gaoli di averla costretta a fare sesso a casa sua tre anni fa, secondo gli screenshot di un post cancellato sui social media datato 2 novembre.
Il post di Peng su Weibo, la piattaforma cinese simile a Twitter, è stato cancellato entro 30 minuti dalla pubblicazione, con i censori cinesi che si sono mossi rapidamente per cancellare ogni menzione dell’accusa online.
Peng non è stata vista in pubblico da quando l’accusa e la sua posizione non sono state rese pubbliche. Il suo account Weibo, che ha più di mezzo milione di follower, è ancora bloccato dai ricercatori sulla piattaforma.
Un numero crescente di atleti internazionali ha espresso preoccupazione per Peng.
Billie Jean King, leggenda del tennis e 39 volte vincitrice del campionato del Grande Slam, ha dichiarato su Twitter: “Spero che Peng Shuai sia trovata al sicuro e che le sue accuse siano pienamente indagate”.
E l’ex numero uno al mondo Chris Evert ha detto: “queste accuse sono molto inquietanti”.
“Conosco Peng da quando aveva 14 anni; dovremmo essere tutti preoccupati; questo è serio; dov’è? È al sicuro? Qualsiasi informazione sarebbe apprezzata”, ha detto in un post su Twitter.
Domenica, la Women’s Tennis Association (WTA) ha invitato il governo cinese a indagare sulle accuse , insistendo sul fatto che l’ex giocatrice di doppio di alto livello dovrebbe essere “ascoltata, non censurata”.
In una dichiarazione , il presidente e CEO di WTA Steve Simon ha affermato che le accuse di Peng erano di “profonda preoccupazione”, aggiungendo che le accuse devono essere indagate “pienamente, equamente, in modo trasparente e senza censura”.
“Peng Shuai, e tutte le donne, meritano di essere ascoltate, non censurate”, ha detto Simon. “La sua accusa sulla condotta di un ex leader cinese che comporta un’aggressione sessuale deve essere trattata con la massima serietà”.
Zhang, 75 anni, ha fatto parte del Comitato permanente del Politiburo, composto da sette persone del Partito Comunista al potere, l’organo supremo della leadership del Paese, dal 2012 al 2017 durante il primo mandato al potere del leader cinese Xi Jinping. Si è ritirato dalla carica di vicepremier nel 2018.
Nel post, che si legge come una lettera aperta a Zhang, la star del tennis 35enne sostiene una relazione per un periodo intermittente che è durata almeno 10 anni.
“Perché sei dovuto tornare da me, mi hai portato a casa tua per costringermi a fare sesso con te?”, scrisse Peng, affermando di non avere prove per dimostrare le sue accuse e ha affermato che Zhang era sempre preoccupata che avrebbe registrato le cose.
“Non riuscivo a descrivere quanto fossi disgustato, e quante volte mi sono chiesto se sono ancora un umano? Mi sento un cadavere che cammina”. 
- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati