Dati Covid in tempo Reale

All countries
240,190,120
Confermati
Updated on 14 October 2021 18:56
All countries
215,766,611
Ricoverati
Updated on 14 October 2021 18:56
All countries
4,893,211
Morti
Updated on 14 October 2021 18:56

Cina. Ex detective racconta le torture sugli uiguri. Dalla sedia tigre ai fili elettrici ai genitali

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress – I raid sono iniziati dopo la mezzanotte nello Xinjiang . Centinaia di agenti di polizia armati di fucili sono andati di casa in casa nelle comunità uigure nell’estrema regione occidentale della Cina, tirando fuori le persone dalle loro case, ammanettandole e incappucciandole e minacciando di spararle se hanno resistito.

Lo ha raccontato un ex detective della polizia cinese in una intervista alla CNN.

“Li abbiamo presi tutti con la forza durante la notte. Se c’erano centinaia di persone in una contea in questa zona, allora dovevi arrestare queste centinaia di persone”.
L’ex detective diventato informatore ha chiesto di essere identificato solo come Jiang, per proteggere i suoi familiari rimasti in Cina.
In un’intervista di tre ore con la CNN, condotta in Europa dove è ora in esilio, Jiang ha rivelato rari dettagli su quella che ha descritto come una sistematica campagna di tortura contro gli uiguri nel sistema dei campi di detenzione della regione, afferma che la Cina ha negato per anni .
“Prendeteli a calci, picchiateli (finché non sono) pieni di lividi e gonfi”, ha detto Jiang, ricordando come lui e i suoi colleghi erano soliti interrogare i detenuti nei centri di detenzione della polizia.  “Fino a quando non si inginocchiano sul pavimento piangendo.”
Durante la sua permanenza nello Xinjiang, Jiang ha affermato che ogni nuovo detenuto è stato picchiato durante il processo di interrogatorio, inclusi uomini, donne e bambini di appena 14 anni.
I metodi includevano incatenare le persone a una “sedia tigre” di metallo o legno – sedie progettate per immobilizzare i sospetti – appendere le persone al soffitto, violenza sessuale, elettrocuzioni e waterboarding. I detenuti sono stati spesso costretti a rimanere svegli per giorni e gli sono stati negati cibo e acqua.
“Ognuno usa metodi diversi. Alcuni usano persino una barra da demolizione o catene di ferro con lucchetti”, ha detto Jiang. “La polizia calpestava la faccia del sospettato e gli diceva di confessare”.
I sospetti sono stati accusati di reati terroristici, ha detto Jiang, ma crede che “nessuno” delle centinaia di prigionieri che è stato coinvolto nell’arresto abbia commesso un crimine. Ma “sono persone normali”. 
All’interno dei centri di detenzione della polizia, l’obiettivo principale era quello di estorcere una confessione ai detenuti, con la tortura sessuale come una delle tattiche, ha detto Jiang.
“Se vuoi che le persone confessino, usi il bastone elettrico con due punte affilate in cima“, ha detto Jiang. “Legheremmo due fili elettrici sulle punte e metteremmo i fili sui loro genitali mentre la persona è legata“.
Ha ammesso di aver spesso dovuto interpretare il “poliziotto cattivo” durante gli interrogatori, ma ha detto di aver evitato il peggio della violenza, a differenza di alcuni suoi colleghi.
“Alcune persone vedono questo come un lavoro, alcuni sono solo psicopatici”, ha detto.
Una “misura molto comune” di tortura e disumanizzazione era che le guardie ordinassero ai prigionieri di violentare e abusare dei nuovi detenuti maschi, ha aggiunto Jiang.
Quando gli è stato chiesto cosa avrebbe fatto se si fosse trovato faccia a faccia con una delle sue ex vittime, ha detto che sarebbe stato “spaventato” e che se ne sarebbe andato “immediatamente”.
“Sono colpevole, e spero che una situazione come questa non accada loro di nuovo”, ha detto Jiang. “Spero nel loro perdono, ma sarebbe troppo difficile per le persone che hanno subito torture del genere”.
“Come affronto queste persone?”  “Anche se sei solo un soldato, sei comunque responsabile di quello che è successo. Devi eseguire gli ordini, ma così tante persone hanno fatto questa cosa insieme. Siamo responsabili di questo.”

Altre News

Articoli Correlati