Cina. Il governo vuole decimare gli Uiguri in 20 anni con il controllo delle nascite

- Advertisement -

AgenPress – Le nuove norme cinesi per il controllo delle nascite potrebbero tagliare tra i 2,6 e i 4,5 milioni di parti tra gli Uiguri e le altre minoranze etniche nello Xinjiang entro i prossimi 20 anni. Lo rivela la Reuters in esclusiva sul proprio sito web citando lo studio di un ricercatore tedesco, Adrian Zenz. I dati del rapporto mostrano già un consistente calo nella regione, stimato in un meno 48,7% tra il 2017 e il 2019.

Zenz ha raccontato che le popolazioni musulmane e turcofone dello Xinjiang vengono  arrestate e internate per famiglie intere. Vengono arrestati i genitori tanto quanto i nonni, gli zii, le zie e i cugini. Fuori dai campi restano quindi soltanto i bambini minorenni e questo desta l’attenzione del PCC, desideroso e avido di mettere gli artigli sulle nuove generazioni per educarle alla fedeltà ideologica conculcandone l’identità culturale e religiosa. In un altro dei propri video agghiaccianti, Bitter Winter ha documentato pure questi incredibili centri per la “rieducazione” dei bambini uiguri.

- Advertisement -

Secondo lo studio, con le nuove norme nel 2040 la popolazione uighura in Xinjiang arriverebbe a 8,6-10,5 milioni, mentre le precedenti stime dei ricercatori cinesi arrivavano a 13,4 milioni. D’altro canto, la popolazione di etnia cinese Han crescerebbe dall’8,4% attuale al 25%.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati