Cina. Surplus commerciale sfiora i 100 mld, +17,9% export rispetto ad un anno fa. Import gas Russia +56%

- Advertisement -

AgenPress – L’avanzo commerciale mensile della Cina è salito a un record di 97,9 miliardi di dollari a giugno, poiché la crescita delle esportazioni è aumentata dopo che i controlli antivirus che hanno chiuso Shanghai sono stati revocati e gli spedizionieri hanno spostato un carico arretrato.

Le esportazioni sono aumentate del 17,9% rispetto a un anno fa a 331,2 miliardi di dollari, in aumento rispetto alla crescita del 16,9% di maggio, secondo i dati doganali mostrati mercoledì. In un segno della debolezza economica cinese, le importazioni sono aumentate solo dell’1% a 233,3 miliardi di dollari, facendo aumentare il surplus commerciale del 90% rispetto a un anno fa.

- Advertisement -

Le importazioni dalla Russia, principalmente petrolio e gas, sono aumentate del 56% rispetto a un anno fa quando Pechino ha approfittato dei tagli di prezzo offerti dal Cremlino dopo che Washington e l’Europa hanno sospeso la maggior parte dei propri acquisti per punire Mosca per la sua invasione dell’Ucraina.

Il commercio cinese era già depresso dalla debole domanda globale prima che Shanghai, sede del porto più trafficato del mondo, e altre città chiudessero a partire da fine marzo. La movimentazione delle merci è tornata alla normalità, ma gli economisti avvertono che lo shock si farà sentire all’estero per mesi.

“Le esportazioni sono fortemente rimbalzate con l’allentarsi dei colli di bottiglia nel trasporto marittimo”, ha affermato Julian Evans-Pritchard di Capital Economics in un rapporto. “Ma pensiamo che questo potrebbe essere l’ultimo evviva per il boom delle esportazioni pandemiche in Cina prima che le spedizioni diminuiscano a causa del raffreddamento della domanda”.

- Advertisement -

La debole domanda di importazioni riflette un crollo delle costruzioni, un importante cliente per il minerale di ferro straniero e altre materie prime, dopo che il governo ha lanciato una repressione del debito che ha raffreddato il vasto settore immobiliare.

I meteorologi hanno ridotto le stime per la crescita economica della Cina a un minimo del 2% quest’anno, ben al di sotto dell’obiettivo del 5,5% del Partito Comunista al potere.

L’economia cinese è cresciuta di un debole 4,8% rispetto all’anno precedente nel trimestre terminato a marzo. Questo è stato un miglioramento rispetto al tasso del 4% negli ultimi tre mesi del 2021.

Alcuni ritengono che si sia ridotto nel trimestre terminato a giugno prima di iniziare una graduale ripresa. I sondaggi mostrano che potrebbe essere in corso con l’accelerazione delle attività di produzione e servizi.

Se ciò durerà, “le prospettive per la seconda metà del 2022 sono per importazioni più forti”, ha affermato in un rapporto Rajiv Biswas di S&P Global Market Intelligence.

Le esportazioni negli Stati Uniti sono aumentate del 19,3% rispetto all’anno precedente a 56 miliardi di dollari, nonostante i persistenti aumenti delle tariffe in una guerra commerciale per le ambizioni tecnologiche di Pechino. Le importazioni di merci americane sono aumentate dell’1,7% a 14,6 miliardi di dollari.

L’eccedenza commerciale politicamente instabile della Cina con gli Stati Uniti è aumentata del 26% rispetto all’anno precedente a 41,4 miliardi di dollari. Fu tra gli irritanti che spinse l’allora presidente Donald Trump a lanciare la lotta commerciale e ad aumentare le tasse di importazione.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati