Dati Covid in tempo Reale

All countries
243,638,307
Confermati
Updated on 22 October 2021 21:34
All countries
219,022,760
Ricoverati
Updated on 22 October 2021 21:34
All countries
4,951,327
Morti
Updated on 22 October 2021 21:34

Cina. Xi Jinping promette la “riunificazione” con Taiwan. No a interferenze esterne

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress – Xi Jinping ha affermato di perseguire la “riunificazione” con Taiwan con mezzi pacifici in un discorso a Pechino sabato.

Parlando nella Grande Sala del Popolo per commemorare il 110º anniversario della rivoluzione che pose fine all’ultima dinastia imperiale del Paese, Xi ha affermato che il più grande ostacolo alla riunificazione della Cina era la forza dell'”indipendenza di Taiwan”.
“Coloro che dimenticano la loro eredità, tradiscono la loro madrepatria e cercano di dividere il Paese, non andranno a buon fine”.
Taiwan e la Cina continentale sono state governate separatamente dalla fine di una guerra civile più di settant’anni fa, in cui i nazionalisti sconfitti sono fuggiti a Taipei. Tuttavia, Pechino vede Taiwan come una parte inseparabile del suo territorio, anche se il Partito Comunista Cinese non ha mai governato l’isola democratica di circa 24 milioni di persone.
Il discorso di Xi è arrivato un giorno prima dell’anniversario ufficiale della rivolta di Wuchang il 10 ottobre, che a Taiwan è celebrato come Giornata nazionale.
Xi ha detto s di voler vedere la riunificazione pacifica secondo una politica “un paese due sistemi”, simile a quella utilizzata a Hong Kong. Tuttavia il sistema di governo è generalmente osteggiato da Taiwan.
Nel suo discorso, Xi ha aggiunto che la questione di Taiwan riguarda gli affari interni della Cina e “non consente interferenze dall’esterno”.
“La gente non dovrebbe sottovalutare la determinazione del popolo cinese a difendere la sovranità nazionale e l’integrità territoriale. Il compito della completa riunificazione della Cina deve essere raggiunto, e sarà sicuramente raggiunto”.
Il discorso arriva tra le crescenti tensioni militari nello stretto di Taiwan. Secondo il ministero della Difesa dell’isola, in quattro giorni all’inizio di ottobre, l’esercito cinese ha pilotato quasi 150 aerei da combattimento, bombardieri con capacità nucleare, velivoli antisommergibile e aerei di allerta e controllo in volo nella zona di identificazione della difesa aerea di Taiwan.
Venerdì il presidente di Taiwan Tsai Ing-wen ha dichiarato in un forum sulla sicurezza a Taipei che, sebbene il suo governo non abbia cercato un conflitto militare, “Taiwan farà anche tutto il necessario per difendere la sua libertà e il suo stile di vita democratico”.
È arrivato dopo che il ministro della Difesa di Taiwan Chiu Kuo-cheng ha detto ai giornalisti mercoledì che la Cina potrebbe essere in grado di organizzare un’invasione “su larga scala” dell’isola entro il 2025 .
Sebbene Xi non abbia menzionato l’uso della forza militare nel suo discorso di sabato, in precedenza si è rifiutato di escluderlo.
Tuttavia, le sue ultime osservazioni sono state meno accese rispetto a quelle fatte il 1 luglio per commemorare il 100° anniversario della fondazione del Partito comunista cinese, in cui ha promesso di “sconfiggere completamente” tutti i sostenitori dell’indipendenza di Taiwan.
In una dichiarazione rilasciata dopo il discorso di Xi, il Consiglio per gli affari continentali di Taiwan ha affermato che Pechino dovrebbe abbandonare i suoi “passi provocatori di intrusione, molestie e distruzione”.
Il futuro e lo sviluppo di Taiwan sono esclusivamente nelle mani della popolazione dell’isola, afferma la dichiarazione, aggiungendo che la Cina dovrebbe considerare le interazioni basate su “pace, parità, democrazia e dialogo”.

Altre News

Articoli Correlati