Cingolani: entro 18 mesi stop a gas russo. Con 1mld al giorno che diamo a Putin, finanzia la guerra

- Advertisement -

AgenPress – “Con l’energia diamo quasi un miliardo di euro al giorno alla Russia, e capite bene che stiamo indirettamente finanziando la guerra”.

Lo dice il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani prevedendo che l’Italia possa slacciarsi quasi completamente da Mosca in 18 mesi. “Entro il secondo semestre dell’anno prossimo potremo cominciare veramente ad avere una quasi totale indipendenza. Secondo me, a breve dovremmo interrompere per una questione anche etica la fornitura di gas dalla Russia”.

- Advertisement -

La strategia è sostituire i 29 miliardi di metri cubi di gas russo “con altrettanto gas che però deve essere prodotto da Paesi che si trovano in continenti diversi”, spiega Cingolani. Ma “rispetto a tutti gli altri Paesi europei noi abbiamo il vantaggio di avere cinque gasdotti che ci collegano a nord, a sud e a est. Ovviamente, stiamo potenziando le rotte da sud e da est”. Altro punto del piano, “aumenteremo la capacità di rigassificazione”.

Oltre ai tre impianti presenti in Italia, “ne aggiungeremo un paio che saranno galleggianti, perché non devono rimanere per sempre”, precisa il ministro. Nel frattempo “continuiamo ad accelerare sulle rinnovabili e sulle altre fonti”.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati