Dati Covid in tempo Reale

All countries
176,910,653
Confermati
Updated on 14 June 2021 21:00
All countries
159,335,019
Ricoverati
Updated on 14 June 2021 21:00
All countries
3,822,710
Morti
Updated on 14 June 2021 21:00

Conte al M5S: “non intendo entrare nel governo, voi si. Draghi persona di spessore”

AgenPress – “Non voglio andare al governo. Voglio che siate voi. Non è il momento dell’auto-isolamento, non possiamo trascurare il bene del Paese”.

Così  Giuseppe Conte  all’assemblea congiunta dei parlamentari del Movimento 5 Stelle.

“Il presidente incaricato è persona di spessore,  io l’ho incontrato in diversi vertici e l’ho apprezzato. E’ stato lui che ha posto le basi per superare le politiche di austerità: è un interlocutore da prendere in seria considerazione. Certo, alcuni di voi potevano pensare che l’incarico potesse andare ad un altro: ma ora dobbiamo fare i conti con la realtà di questa fase storica”.

“Noi abbiamo una grande responsabilità verso il Paese, ma non dimentichiamo chi collabora lealmente e chi lo fa in modo irresponsabile: sappiamo chi ci ha voltato le spalle e ora cerca di entrare per lucrare qualche vantaggio”. Per questo, dice Conte, “si cercherà di porre condizioni tali che alcuni soggetti non potranno più rimanere al tavolo. Ma noi, invece, al tavolo dobbiamo rimanere perché dobbiamo dare una prospettiva al Paese e altre soluzioni diverse ora non ci sono”.

“Abbiamo una missione, siamo l’ago della bilancia, siamo il partito di maggioranza relativa che deve far sentire il suo peso. Questo è il punto di partenza. Vito con i capigruppo sta conducendo un confronto molto serrato”. Conte ammette di temere “molto la presenza della Lega” soprattutto per l’utilizzo delle risorse del Recovery. Ad esempio, “dobbiamo vigilare ed evitare che intervengano altri a declinare in altro modo la transizione ecologica, rendendola un mero slogan. Per tutte queste ragioni dobbiamo essere presenti: è difficile in questa fase, dire alcuni non li volgiamo, perà ci sono dei margini per cui in modo astuto ci possiamo arrivare”.

Ai parlamentari pentastellati, Conte spiega che “dobbiamo rimanere al tavolo perché dobbiamo dare una prospettiva al Paese e altre soluzioni non ci sono. Ma ve lo dico io per primo: dobbiamo dimostrare di essere all’altezza delle sfide. Io ci sarò nelle forme e nei modi che riterrete giusti. Farò in modo di seguirvi passo passo per accompagnarvi perché mi avete dato tanto”.

spot_imgspot_img
spot_img

Altre News

Articoli Correlati