Dati Covid in tempo Reale

All countries
179,553,288
Confermati
Updated on 22 June 2021 05:27
All countries
162,538,497
Ricoverati
Updated on 22 June 2021 05:27
All countries
3,888,842
Morti
Updated on 22 June 2021 05:27

Conte vuole rafforzare la maggioranza e invita i “volenterosi”, vista la gravità della situazione

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress –  “Stavamo già lavorando sul patto di fine legislatura. Subito dopo l’eventuale fiducia valuteremo un tema di cui stavamo già discutendo: come rafforzare la squadra di governo”. Lo dice il premier Giuseppe Conte intervenendo in replica al Senato.

“Comprendo la diffidenza sollevata ad esempio da Quagliariello: ha obiettato che il mio invito ai volenterosi ha una logica di annessione, un richiamo che ricorda i tempi bui del Novecento. Ma il mio è un invito franco, fatto in maniera aperta di fronte al Paese, vista la gravità della situazione. Non possiamo permetterci di condurre questo invito in modo opaco”, ha aggiunto riferendosi a quanto ha detto Gaetano Quagliariello di Idea.

“Conte – sostiene Quagliariello – ha rivendicato un lavoro a cui ci siamo legittimamente opposti ed è partito dalla attuale maggioranza. Ha chiesto agli altri di arricchire la base, di aggiungersi, senza nessuna trasformazione della formula e del programma. Alle opposizioni antisovraniste ha lanciato neppure una proposta trasformista. Ha chiesto una annessione: per questo diciamo no”. “L’Italia necessita di cambiamenti profondi. Quando volteremo la terribile pagina della pandemia il sistema politico non sarà più lo stesso. Farci annettere no, per una questione di sostanza ma anche di stile”.

“Quello che ci viene oggi riproposto – ha affermato Quagliariello – è lo stesso governo, con le forze dell’attuale maggioranza e la richiesta ad altri di ‘aggiungersi’. Nessun cambio di formula politica né di contesto programmatico: semplicemente è stata chiesta agli attuali oppositori, come noi, un’annessione alla maggioranza. Per questo la risposta è ‘no’, e anzi questa vicenda rafforza il giudizio di insufficienza sul governo rispetto al quale si chiede oggi una sostanziale continuità. Il Paese ha bisogno di qualcosa d’altro e di più ambizioso. Metterci in gioco per rispondere a questa esigenza non ci fa paura e non ci porterà mai a tirarci indietro. Farci annettere – ha concluso – no”.

Altre News

Articoli Correlati