Dati Covid in tempo Reale

All countries
261,546,652
Confermati
Updated on 28 November 2021 15:02
All countries
234,490,001
Ricoverati
Updated on 28 November 2021 15:02
All countries
5,215,799
Morti
Updated on 28 November 2021 15:02

COP26. Boris Johnson. L’accordo sul clima suona la campana a morto per il carbone

- Advertisement -

AgenPress – L’accordo sul clima di Glasgow è un “accordo rivoluzionario” che suona “la campana a morto per l’energia a carbone”, afferma Boris Johnson.

Sebbene i paesi abbiano solo accettato di “ridurre gradualmente” piuttosto che “eliminare gradualmente” il carbone, il primo ministro ha affermato che questo è stato un risultato fantastico.

- Advertisement -

La modifica della formulazione è stata apportata dopo un intervento tardivo di Cina e India.

Ma rimane la prima volta che in un simile accordo sul clima vengono menzionati piani per ridurre il carbone.

L’accordo è stato raggiunto dopo che sabato il vertice COP26 di Glasgow, durato due settimane, è andato in overtime.

- Advertisement -

I critici hanno affermato che l’accordo non va abbastanza lontano e non raggiungerà l’obiettivo chiave del vertice di limitare il riscaldamento globale a 1,5°C entro la fine del secolo.

Gli scienziati dicono che questo limiterebbe i peggiori impatti dei cambiamenti climatici.

Durante una conferenza stampa di Downing Street, Johnson ha dichiarato:

  • “Possiamo fare pressioni, possiamo blandire, possiamo incoraggiare, ma non possiamo costringere le nazioni sovrane a fare ciò che non desiderano fare”
  • “Nonostante tutti i nostri disaccordi, il mondo sta innegabilmente andando nella giusta direzione”
  • Il “punto di svolta negli atteggiamenti delle persone” è stato raggiunto – con i leader “galvanizzati e spinti dai loro elettori”
  • Ma “l’errore fatale ora sarebbe pensare che abbiamo in qualche modo decifrato questa cosa”

Johnson ha affermato che, nonostante i risultati del vertice, la sua reazione è stata “di delusione”.

Ha detto che c’era un alto livello di ambizione, specialmente da paesi in cui il cambiamento climatico era già “una questione di vita o di morte”.

E “mentre molti di noi erano disposti ad andarci, non era vero per tutti”.

Ma ha aggiunto che il Regno Unito non può costringere le nazioni ad agire. “In definitiva è una loro decisione da prendere e devono mantenerla”.

“Abbiamo chiesto alle nazioni di unirsi per il nostro pianeta a Cop26 e hanno risposto a quella chiamata. Voglio ringraziare i leader, i negoziatori e gli attivisti che hanno reso possibile questo patto e il popolo di Glasgow che li ha accolti a braccia aperte”,  scrive su twitter ringrazindo il presidente della Cop29 Sharma, che “ha lavorato duramente per unire i paesi”.

“C’è ancora molto da fare nei prossimi anni. Ma l’accordo di oggi è un grande passo avanti e, cosa fondamentale, abbiamo il primo accordo internazionale in assoluto per ridurre gradualmente il carbone e una tabella di marcia per limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi. Spero che guarderemo indietro alla Cop26 di Glasgow come all’inizio della fine del cambiamento climatico, e continuerò a lavorare instancabilmente verso questo obiettivo”.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati