Dati Covid in tempo Reale

All countries
232,176,861
Confermati
Updated on 25 September 2021 20:20
All countries
207,072,099
Ricoverati
Updated on 25 September 2021 20:20
All countries
4,755,262
Morti
Updated on 25 September 2021 20:20

Coronavirus. A Torino la mensa dei poveri ha bisogno di aiuto

- Advertisement -
- Advertisement -

Lo chiede Don Adriano Gennari del ‘Cenacolo Eucaristico della Trasfigurazione Onlus’.  

Da inizio pandemia si servono abitualmente oltre 270 pasti caldi rispetto agli abituali 130


Agenpress. A Torino la ‘Mensa dei Poveri’ fondata nel 2008 in Via Belfiore 12 da Don Adriano Gennari, sacerdote cottolenghino anima carismatica del ‘Cenacolo Eucaristico della Trasfigurazione Onlus’ lavora senza sosta per sfamare gli indigenti e i senza tetto della città, nel cuore del difficile quartiere multietnico e popolare di San Salvario.

Gente che la pandemia da Covid-19 ha lasciato ancor più di prima in difficoltà e senza tutto. “Siamo passati dal servire ogni sera dalle 16 alle 19 più di 270 pasti caldi al giorno ai poveri che attendono in fila indiana con pazienza e opportunamente distanziati, rispetto alle media di circa 130 in tempi normali”, racconta Don Adriano Gennari.

La nostra mensa vive di Divina Provvidenza, dell’aiuto preziosissimo del ‘Banco Alimentare’ che ringrazio di tutto cuore per il suo insostituibile apporto e altrettanto impagabile impegno, ma anche di carità umana. Abbiamo bisogno dell’aiuto generoso di tutte le persone sensibili, per continuare ad assistere quotidianamente i bisognosi, fra cui aumentano giornalmente anche molti italiani che, sino a poco tempo fa, mai avremmo pensato di vedere in coda a una mensa sociale”, è l’appello del sacerdote torinese.

Anche perché, con i supermercati presi d’assalto, non riceviamo da loro quasi più cibo in dono con cui approvvigionare le nostre cucine, per via delle scorte esaurite. E la chiusura da un mese a questa parte delle mense aziendali ci priva anche degli avanzi giornalieri che invece per noi, normalmente, fanno la differenza nell’alimentare quante più bocche possibili”.

Per chiunque voglia dare il proprio contributo, utile ad acquistare bevande e alimenti, è possibile chiamare o scrivere sms o messaggi via Whatsapp al numero 375.6188246, oppure scrivere una mail all’indirizzo di posta elettronica [email protected]. Tutte le informazioni sul sito http://www.cenacoloeucaristico.it/

 

Altre News

Articoli Correlati