Dati Covid in tempo Reale

All countries
159,632,570
Confermati
Updated on 11 May 2021 09:29
All countries
138,298,458
Ricoverati
Updated on 11 May 2021 09:29
All countries
3,318,777
Morti
Updated on 11 May 2021 09:29
spot_img

Coronavirus. Metà Paesi del mondo si è rivolto al FMI per chiedere prestiti di emergenza

Agenpress – Metà dei paesi del mondo ha contattato il Fondo monetario internazionale per prestiti di emergenza per resistere alla crisi finanziaria provocata dalla pandemia globale di coronavirus .

Più di 100 paesi finora hanno chiesto assistenza d’emergenza, Kristalina Georgieva, amministratore delegato del FMI, ha dichiarato mercoledì una riunione dei ministri delle finanze del G20 e dei governatori delle banche centrali.
Ha affermato che il FMI è pronto a utilizzare la sua “cassetta degli attrezzi completa e 1 trilione di dollari di potenza di fuoco” di capacità di prestito, osservando che finora 10 paesi hanno ricevuto finanziamenti di emergenza e metà dei restanti paesi dovrebbero ricevere le linee di vita finanziarie richieste entro la fine di aprile.
I commenti di Georgieva arrivano dopo che il fondo ha emesso un forte avvertimento che l’economia globale è sulla buona strada per la recessione più profonda dagli anni ’30 e che i governi e i funzionari sanitari devono lavorare insieme per prevenire un risultato ancora peggiore.
Il capo del FMI ha dichiarato che “tutto è sul tavolo in termini di misure che possiamo adottare” e ha incoraggiato le banche centrali a “spendere il più possibile”.
“Ma conserva le ricevute”, ha aggiunto. “Non vogliamo che la responsabilità e la trasparenza prendano posto in secondo piano in questa crisi”.
In un’intervista con CNBC , il capo del FMI ha riconosciuto che il fondo ha la reputazione di imporre condizioni difficili ai paesi in cerca di salvataggi.
Ma questa volta “chiediamo solo una cosa: per favore, paga i tuoi dottori e le tue infermiere, assicurati che i tuoi sistemi sanitari funzionino e che le persone vulnerabili e i primi [soccorritori] siano protetti”, ha detto Georgieva alla rete.
Martedì l’FMI ha dichiarato di prevedere una contrazione del PIL globale del 3% nel 2020, una recessione di gran lunga peggiore rispetto a quella seguita alla crisi finanziaria globale del 2008 e un’inversione di 180 gradi delle previsioni precedenti a gennaio, quando si aspettava crescita del 3,3% quest’anno.
Il fondo ha affermato che esiste il rischio che la recessione si estenda fino al 2021 se i responsabili politici non riusciranno a coordinare una risposta globale al virus.
spot_imgspot_img
spot_img

Altre News

Articoli Correlati