Dati Covid in tempo Reale

All countries
233,500,941
Confermati
Updated on 29 September 2021 00:25
All countries
208,552,618
Ricoverati
Updated on 29 September 2021 00:25
All countries
4,777,662
Morti
Updated on 29 September 2021 00:25

Coronavirus. Ministro Speranza: “L’Italia sta meglio, ma niente illusioni”

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress. “L’Italia sta meglio di altri Paesi europei, ma non dobbiamo farci nessuna illusione. I risultati non sono acquisiti, la sfida è aperta e tutto si mette in discussione ogni giorno. Per questo continueremo sulla linea della prudenza”.

Così in aula alla Camera il ministro della Salute, Roberto Speranza, nel corso delle comunicazioni sulle misure di contenimento del Covid contenute nel nuovo Dpcm che sarà approvato oggi dal governo.

“L’Italia sta meglio in questo momento” rispetto a molti altri Paesi europei, “insieme alla Germania è quello che sta reggendo meglio la seconda ondata ma – ha insistito Speranza – non dobbiamo farci nessuna illusione, sarebbe profondamente sbagliato immaginare di esserne fuori”.

Da qui la valutazione del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, di prorogare lo stato di emergenza al 31 gennaio, “corrispondente alla situazione in cui si trova il Paese”. “Dobbiamo alzare il livello di guardia”, ha proseguito, e per questo “nel Dpcm che ci accingiamo ad adottare valutiamo l’estensione dell’obbligo delle mascherine anche all’aperto. E diciamo con forza ai cittadini che dobbiamo fare uno sforzo in più perché in ogni situazione in cui c’è il rischio di incontrare persone non conviventi c’è la necessità di usarle. Dobbiamo continuare sulla linea della prudenza”.

“Nei mesi più difficili l’Italia ha dimostrato di essere un grande Paese e penso che arrivi il tempo in cui dobbiamo dimostrarlo di nuovo”, ha detto ancora il ministro concludendo il suo intervento davanti all’emiciclo di Montecitorio. “Non saranno mesi facili – ha ammesso – saranno mesi di convivenza e noi dobbiamo riprendere dentro questi mesi lo spirito di unità, di comunità nazionale che ci ha guidato in quelle settimane di marzo e aprile quando questo paese ha saputo essere unito con il contributo di tutti”.

 

Altre News

Articoli Correlati