Dati Covid in tempo Reale

All countries
227,334,700
Confermati
Updated on 16 September 2021 09:58
All countries
202,308,439
Ricoverati
Updated on 16 September 2021 09:58
All countries
4,675,053
Morti
Updated on 16 September 2021 09:58

Coronavirus. Oms dichiara lo stato di emergenza internazionale. Nessuna limitazione a viaggi e commercio

- Advertisement -
- Advertisement -

Agenpress – L’Organizzazione mondiale della Sanità ha dichiarato l’epidemia del coronavirus cinese un’emergenza sanitaria pubblica su scala internazionale. E’ quanto ha reso noto il direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, aggiungendo che la Cina “ha preso straordinarie misure per fare fronte all’emergenza, ha isolato il virus e ha condiviso i dati con tutti”.

L’Oms “non raccomanda di limitare i viaggi, il commercio e il movimento (della popolazione) e si oppone persino a qualsiasi restrizione di viaggio”. L’organizzazione raccomanda invece a tutti i Paesi di applicare misure fondate come “appoggiare Stati con sanità debole, accelerare sui vaccini, contrastare la diffusione di notizie infondate”.

“Benché i casi fuori dalla Cina siano ancora relativamente pochi dobbiamo agire insieme per limitare un’ulteriore diffusione. Non sappiamo quali danni questo tipo di virus potrebbe causare in Paesi con una debole sanità pubblica. Dobbiamo aiutarli. Questa dichiarazione non è nessun caso un voto di sfiducia per la Cina”.

La dichiarazione di “emergenza internazionale di salute pubblica” è usata dall’Oms per “un evento straordinario che costituisce un rischio di salute pubblica per diversi Stati attraverso la diffusione internazionale di una malattia, e che potenzialmente richiede una risposta coordinata a livello internazionale”. Ecco come si arriva a questa definizione, le cui procedure sono state definite nel 2005 proprio a seguito dell’epidemia di Sars.

La definizione, spiega il sito dell’Oms, implica una situazione che sia “seria, improvvisa, inusuale o inattesa”. che abbia “implicazioni per la salute pubblica al di là dei confini dello stato affetto” e che “richieda immediata azione internazionale”. La dichiarazione di per sé non è legalmente vincolante per gli Stati, ma ha lo scopo di alzare il livello di attenzione e il coordinamento internazionale. “E’ una sorta di allarme globale, spiega a Nature Lawrence Gostin della Georgetown University.

La prima dichiarazione di emergenza è stata fatta nel 2009 durante la pandemia di influenza “suina”. Nel 2014 hanno ricevuto lo status l’epidemia di polio e quella di Ebola, nel 2016 l’epidemia di Zika e nel giugno 2019 l’epidemia di Ebola in corso in Congo, dopo la scoperta di casi in Uganda. Quest’ultima, insieme a quella di poliomelite, è l’unica emergenza ancora attiva.

 

 

Altre News

Articoli Correlati