Dati Covid in tempo Reale

All countries
157,588,741
Confermati
Updated on 8 May 2021 09:22
All countries
135,905,349
Ricoverati
Updated on 8 May 2021 09:22
All countries
3,285,595
Morti
Updated on 8 May 2021 09:22
spot_img

Coronavirus. Per la Cina opportunità di consolidare il suo status di superpotenza e leader globale

Agenpress – Pechino è una nobile vittima, che controlla abilmente un’imprevedibile epidemia virale e ora assiste altri paesi nei loro sforzi, o il cattivo che sta diffondendo la miseria in tutto il mondo?
La Cina ha donato grandi quantità di forniture mediche a parti dell’Europa e dell’Africa. I media statali cinesi, che hanno un’influenza fuori misura in gran parte dei paesi in via di sviluppo, hanno anche elogiato l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e altri per la sua risposta e il recupero dall’epidemia iniziale.
La crisi del coronavirus rappresenta un’opportunità chiave per la Cina di consolidare il suo status di superpotenza e leader globale, in particolare poiché gli Stati Uniti hanno lottato per contenere lo scoppio, e il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha alienato alcuni alleati con il suo approccio “America first” alla crisi.
Allo stesso tempo, tuttavia, Pechino non è stata in grado di evitare un intenso controllo e critiche – principalmente, ma non esclusivamente da Washington – su come i ritardi iniziali nella risposta del paese possano aver sprecato opportunità vitali per contenere la pandemia ormai globale, come così come lo scetticismo sulla sua segnalazione delle cifre del coronavirus e sulla ripresa del paese.
Forse in segno di come i leader cinesi sono determinati a non lasciar passare questo momento, o ad essere espressi come cattivo globale, la risposta a tali critiche è stata forte e spesso arrabbiata. È stato potenziato non solo dai media statali, ma anche da una nuova generazione di diplomatici che porta il loro messaggio direttamente al pubblico straniero su piattaforme come Twitter e Facebook.
L’importanza di cambiare la narrazione sul coronavirus e la sua gestione da parte della Cina è chiara, il che potrebbe spiegare perché l’approccio più aggressivo favorito da alcuni diplomatici sia arrivato a dominare la risposta di Pechino.
James Green , ricercatore senior presso la Georgetown University ed ex diplomatico americano, ha dichiarato  che “per deviare la cattiva gestione dello scoppio iniziale del coronavirus a Wuhan e la perdita della vita e della crescita economica a livello nazionale, gli organi di propaganda del PCC sono in crisi e cercano di cambiare la narrativa: la Cina e il PCC stanno salvando il mondo dal flagello del coronavirus – e il mondo è grato!”
Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian ha affermato che “coloro che accusano la Cina di non essere trasparenti sono ingiusti e offensivi dei grandi sacrifici fatti dal popolo cinese” e si sono scagliati contro “false accuse propagate senza sosta da funzionari statunitensi”.
spot_imgspot_img
spot_img

Altre News

Articoli Correlati