Dati Covid in tempo Reale

All countries
228,519,886
Confermati
Updated on 18 September 2021 13:01
All countries
203,405,840
Ricoverati
Updated on 18 September 2021 13:01
All countries
4,695,134
Morti
Updated on 18 September 2021 13:01

Coronavirus. Rossi (Confindustria). Chiusura fino al 3 maggio? C’è chi non sa cos’è un’attività produttiva”

- Advertisement -
- Advertisement -

Agenpress – “Sicuramente avremo un problema di occupazione per molti settori, pensiamo alla ristorazione, al settore alberghiero, turistico.  I ristoranti riapriranno con un numero minore di coperti e quindi avranno bisogno di un numero minore di cameriere. Così come tante aziende che, se riapriranno, avranno meno commesse e quindi un problema di collaboratori in esubero”.

Così Alessio Rossi, Presidente dei giovani imprenditori di Confindustria ai microfoni di Radio Cusano.

“Questo problema potrebbe essere affrontato e superato, ma bisogna farlo velocemente. Questo non significa riaprire domani, ma studiare un approccio per riaprire. Ricordiamoci che abbiamo sì un problema di salute, ma anche un problema economico che diventa problema sociale. Pensiamo ad essere operativi e a come poter riaprire in sicurezza. Comunque non dovremmo guardare solo all’immediata riapertura, ma a tutte le difficoltà che le imprese dovranno fronteggiare. Le misure che il governo ha messo in campo aiutano la liquidità, ma le aiuta facendo indebitare aziende che arrivano già da un periodo di crisi”.

“Noi abbiamo avuto terrorismo psicologico, terrorismo di immagini, decreti annunciati e poi scritti con le cancellature, con gli errori. Questo è quello che non mi piace -ha aggiunto Rossi-. Non mi piace che manchi la condivisione, quando invece si sarebbero dovuti fare dei tavoli con tutte le organizzazioni. Adesso ci dicono che riapriremo il 3 di maggio, ma che si fa da qui al 3 di maggio? Nessuno scrive un protocollo da rispettare. Io sarei disponibile a scriverlo, ma se lo scrive Confindustria i sindacati dicono che noi siamo i cattivi che vogliono riaprire subito. Purtroppo qui c’è tanta gente che non sa di cosa parla, che non sa cos’è un’attività produttiva”. 

“Questa malattia è stata riconosciuta dall’Inail come infortunio di lavoro, quindi se qualcuno che comincia a lavorare disgraziatamente si ammala o muore, i datori di lavoro avrebbero un processo penale e dovrebbero dimostrare che hanno messo in campo tutte le misure di sicurezza adeguate”.

Altre News

Articoli Correlati