Dati Covid in tempo Reale

All countries
347,426,859
Confermati
Updated on 22 January 2022 13:46
All countries
274,735,174
Ricoverati
Updated on 22 January 2022 13:46
All countries
5,605,259
Morti
Updated on 22 January 2022 13:46

Covid. Alina Chan (Scienziata Harvard) “Fuga da laboratorio ipotesi più probabile sull’origine”

- Advertisement -

AgenPress – L’origine del Covid-19 rimane ancora un mistero che potrebbe non essere mai risolto. È stato il risultato di uno spillover dagli animali agli umani o il risultato di una perdita di laboratorio? L’idea che il virus SARS-CoV-2 possa essere sfuggito accidentalmente dall’Istituto di virologia di Wuhan in Cina è stata ampiamente condannata come teoria della cospirazione alimentata dal sentimento anti-cinese.

Ma alcune persone insistono sul fatto che la perdita di laboratorio sia una teoria plausibile e una di queste è la biologa molecolare canadese, la dottoressa Alina Chan. È specialista in terapia genica presso il Broad Institute of MIT di Harvard e ha co-autore di un libro con il popolare scrittore scientifico Matt Ridley,  Viral: The Search for the Origin of Covid-19 .

- Advertisement -

La stessa dottoressa lo conferma nel corso di un’audizione davanti alla commissione Scienza e Tecnologia del Parlamento britannico. “Per chi sa cos’è successo non è sicuro di farsi avanti ma ci sono tante informazioni archiviate”

Per la dottoressa Chan  molti aspetti tecnici farebbero propendere per l’ipotesi di una creazione artificiale del virus. “Molti virologi di fama hanno affermato che è un’ipotesi ragionevole. 

Sappiamo che questo virus ha una caratteristica unica, chiamata sito di clivaggio della furina, e senza questa caratteristica non avrebbe causato questa pandemia”, ha spiegato. La scienziata ha proseguito ricordando che è emerso che “EcoHealth (un’organizzazione non governativa con sede negli Stati Uniti, ndr) e l’Istituto di virologia di Wuhan stavano sviluppando un sistema per l’inserimento di nuovi siti di clivaggio della furina. Quindi – ha concluso -abbiamo questi scienziati che all’inizio del 2018 dicono, ‘metteremo dei corni sui cavalli‘ e alla fine del 2019 a Wuhan spunta un unicorno“.

- Advertisement -

E sarebbe proprio questa caratteristica a portare direttamente a Wuhan. Perché, ha ricordato la scienziata, un’organizzazione non governativa con sede negli Usa, EcoHealth, “e l’Istituto di virologia di Wuhan stavano sviluppando un sistema per l’inserimento di nuovi siti di clivaggio della furina”. “Quindi  abbiamo questi scienziati che all’inizio del 2018 dicono, ‘metteremo dei corni sui cavalli’ e alla fine del 2019 a Wuhan spunta un unicorno”.

“Nessuno era disposto a darci una revisione paritaria. Mi chiedevo perché non volessero nemmeno prendere in considerazione il nostro manoscritto, ma ora, ripensandoci, lo vedo come una forma di gatekeeping. Non volevano che gli scienziati suggerissero che questo virus potesse essere accidentalmente fuoriuscito da un laboratorio”.

Invece, ha deciso di pubblicare il giornale su Twitter che ha suscitato grande scalpore.

“Non sapevo che sarebbe stato infiammatorio. Molti amici scienziati mi avevano detto che per far conoscere il tuo lavoro alle persone dovresti metterlo su Twitter, c’è una comunità scientifica molto attiva su Twitter. Twitter è diventato una forma abbastanza legittima di scambio scientifico e comunicazione al pubblico”.

Le autorità cinesi hanno giudicato razzista o anti-cinese la teoria delle fughe di laboratorio e i suoi sostenitori. Hanno avuto difficoltà a trattare con Chan che ha origini cinesi.

“Hanno deciso di chiamarmi traditore della razza. Lo trovo estremamente problematico perché ora ci sono così tanti laboratori che lavorano con questi agenti patogeni ad alto rischio che gli incidenti sono destinati a verificarsi indipendentemente dal paese in cui si verificano. Non può succedere che, se si verifica un incidente di laboratorio in un paese asiatico, non possiamo indagare ma, se accade in un paese bianco, possiamo indagare.

“Secondo me, questo è razzista. Dovremmo affrontare questo problema in modo obiettivo, indipendentemente dal paese in cui accade. Dobbiamo essere in grado di entrare e indagare. “

Tuttavia, la teoria della perdita di laboratorio è stata una questione controversa e controversa fin dall’inizio. Un mese dopo il rilascio del codice genomico di Covid-19, il capo di EcoHealth Alliance – collaboratore di lunga data e finanziatore del laboratorio di Wuhan – Peter Daszak ha pubblicato una lettera aperta su The Lancet firmata da dozzine di eminenti scienziati affermando che il laboratorio perde. l’ipotesi era una teoria della cospirazione e dovrebbe essere denunciata dagli scienziati.

“Per prevedere nuovi agenti patogeni che potrebbero causare pandemie, hanno cercato virus in tutta la Cina meridionale e nel sud-est asiatico e hanno portato migliaia di campioni nella città di Wuhan per studiarli.

“Immagina se fosse emerso che il Covid-19 era uscito da quel laboratorio, sarebbe stato disastro, sarebbe stato terribile per reputazione della Cina,  per i loro finanziamenti e per la loro eredità”.

 

 

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati