Dati Covid in tempo Reale

All countries
201,065,144
Confermati
Updated on 5 August 2021 10:06
All countries
179,333,848
Ricoverati
Updated on 5 August 2021 10:06
All countries
4,271,371
Morti
Updated on 5 August 2021 10:06

Covid: convincere le persone che non si sono ancora vaccinate

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress. Il presidente della Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga, evidenzia che “per superare le criticità derivanti dall’impossibilità di utilizzare alcuni vaccini per la fascia under 60, a partire dalla prossima settimana si terranno degli incontri bilaterali tra la struttura commissariale del generale Figliuolo e le singole Regioni interessate: un passo in avanti deciso e coordinato nella lotta al Covid-19″.

Fedriga rivolge poi un appello al Governo “affinché superi il paradigma dell’incidenza ogni 100mila abitanti come parametro guida per determinare lo scenario di rischio, a vantaggio del tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva e area medica che rappresenta invece la vera criticità da fronteggiare”.

Il presidente della regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, afferma che “se il ritmo con cui arriveranno i vaccini è quello atteso, entro la fine dell’estate avremo vaccinato tutti gli emiliano-romagnoli che lo vorranno”.

Adesso “dobbiamo convincere un po’ di scettici, ricordando loro che gli oltre 120.000 morti nel paese e gli oltre 13.000 in questa regione sono dovuti purtroppo a questo terribile virus, non certo per i vaccini”. Anzi i vaccini, spiega Bonaccini, “sono l’unico strumento per proteggerci dalla variante Delta, che sta preoccupando in Gran Bretagna e in giro per l’Europa. Qui ancora i casi sono molto pochi e li sequenziamo ad uno ad uno, ma prevedo un po’ di crescita nelle prossime settimane. Ma se si proteggono le persone rimane bassissima l’ospedalizzazione e soprattutto i decessi”.

Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di  sanità e coordinatore del Comitato tecnico scientifico per l’emergenza Covid, spiega che “la variante Delta, o variante  indiana” di Sars-CoV-2 “ha una contagiosità significativamente  maggiore della variante inglese, siamo al 60% in più. Questo  giustifica la diffusione in varie aree del globo terrestre e  dall’altra la nota di cautela estrema dell’Organizzazione mondiale  della sanità. Ma va assolutamente rimarcato che i vaccini disponibili, se somministrati in maniera compiuta, conferiscono un’ottima protezione contro lo sviluppo di malattia grave, con il conseguente  rischio di essere ricoverati in terapia intensiva, anche con il  rischio di mortalità. Sono protettivi nell’ordine del 95-99%”.

Per il ministro della Salute Roberto Speranza “i numeri sono scesi significativamente, abbiamo vaccini, abbiamo più cure, abbiamo una minore pressione ospedaliera, ma la pandemia non è finita”.

Il presidente della regione Campania Vincenzo De Luca spiega di aver chiesto un contributo “anche ai vescovi e ai parroci, che costituiscono un presidio irrinunciabile nei territori”, al fine di “trasmettere serenità e certezze, e di collaborare, invitando i nostri concittadini che ancora non l’hanno fatto, a vaccinarsi, o a completare la vaccinazione”.

“Domani arriveremo a quota 10 milioni di somministrazioni. – annuncia Letizia Moratti, vicepresidente e assessore al Welfare della Regione Lombardia – Con la prima dose abbiamo raggiunto il 72% della popolazione e il 76% della popolazione vaccinabile. Siamo soddisfatti, e’ un ottimo traguardo ma non dobbiamo abbassare la guardia. Dobbiamo continuare ad accelerare in modo tale da poter completare, il prima possibile, il nostro percorso. Ovviamente e  compatibilmente con l’arrivo di forniture di vaccini”.

Il presidente della Regione Valle d’Aosta, Erik Lavevaz, afferma che ora “è estate, e il virus circola meno, si è un po’ abbassata l’attenzione. E questo è sbagliato. Soprattutto in vista dell’autunno. Bisogna continuare a portare le persone a vaccinarsi e intercettare tutte quelle persone che non si sono ancora vaccinate”.

“Stiamo facendo tutto il possibile – dichiara il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano – per vaccinare in fretta e c’è una buona notizia. Ci avevano tagliato un  po’ di dosi e hanno appena comunicato che in gran parte ce le hanno  restituite. Abbiamo recuperato quasi 100mila dosi che erano in discussione”.

Altre News

Articoli Correlati