Dati Covid in tempo Reale

All countries
179,598,446
Confermati
Updated on 22 June 2021 10:27
All countries
162,576,512
Ricoverati
Updated on 22 June 2021 10:27
All countries
3,890,035
Morti
Updated on 22 June 2021 10:27

Covid. FMI. Continua la forte azione politica per combattere l’incertezza. Buona notizia il vaccino

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress – Mentre i leader del G20 si incontrano virtualmente questa settimana, l’economia globale deve affrontare un momento critico. I paesi hanno iniziato a risalire dalle profondità della crisi del COVID-19. Ma la recrudescenza delle infezioni in molte economie mostra quanto sarà difficile e incerta questa ascesa.

La buona notizia è il progresso significativo nello sviluppo del vaccino . Sebbene ci siano molti avvertimenti, questo fa sperare di sconfiggere il virus che ha causato più di un milione di vite e ha causato decine di milioni di perdite di posti di lavoro.

La notizia meno positiva è la gravità della pandemia e il suo impatto economico negativo. Il mese scorso, l’FMI ha previsto una contrazione storica del PIL globale del 4,4% nel 2020. E ci aspettiamo una ripresa parziale e irregolare il prossimo anno, con una crescita al 5,2%.

I dati dalle nostre ultime proiezioni confermano che la ripresa globale è continuata. Per molte economie, inclusi gli Stati Uniti, il Giappone e l’area dell’euro, l’attività economica nel terzo trimestre si è rivelata più forte del previsto.

Ma come sottolinea la nota del FMI al vertice dei leader del G20 , i dati più recenti per le industrie di servizi ad alta intensità di contatto indicano un rallentamento dello slancio nelle economie in cui la pandemia è in ripresa.

In altre parole, mentre una soluzione medica alla crisi è ora in vista, il percorso economico da percorrere rimane difficile e soggetto a battute d’arresto.

Al rialzo , il contenimento del virus più rapido del previsto o lo sviluppo di trattamenti migliori consentirebbero un ritorno più rapido alla normale attività, limitando le cicatrici economiche e stimolando la crescita.

Al ribasso , se nuovi focolai richiedono restrizioni più rigorose alla mobilità, o se lo sviluppo, la produzione e la distribuzione capillare di vaccini e trattamenti è ritardato, il distanziamento sociale persisterà più a lungo. Di conseguenza, la crescita sarà inferiore, il debito pubblico più alto e le cicatrici sul potenziale a lungo termine dell’economia più gravi: pensate a come le perdite prolungate di posti di lavoro possono danneggiare il capitale umano dei lavoratori.

Questo è il motivo per cui abbiamo bisogno di un’azione politica forte e continua per combattere la continua incertezza .

Il successo qui dipende da noi che agiamo rapidamente e che agiamo insieme. Vedo tre grandi priorità: (i) porre fine alla crisi sanitaria, (ii) rafforza il ponte economico al recupero, e (iii) costruire le fondamenta di una migliore 21 ° quattrocentesca economia.

Primo, porre fine alla crisi sanitaria.

La recrudescenza delle infezioni è un potente promemoria del fatto che una ripresa economica sostenibile non può essere raggiunta da nessuna parte a meno che non sconfiggiamo la pandemia ovunque . La spesa pubblica per il trattamento, i test e la ricerca dei contatti è ora più importante che mai.

Lo è anche la cooperazione transfrontaliera per ridurre il rischio di una fornitura inadeguata di vaccini, trattamenti e test. Ciò significa intensificare gli sforzi multilaterali per la produzione, l’acquisto e la distribuzione di queste soluzioni sanitarie, specialmente nei paesi più poveri. Significa anche rimuovere le recenti restrizioni commerciali su tutti i beni e servizi medici, compresi quelli relativi ai vaccini.

Stimiamo che progressi più rapidi su soluzioni mediche ampiamente condivise potrebbero aggiungere quasi 9 trilioni di dollari al reddito globale entro il 2025. Ciò aiuterebbe a ridurre il divario di reddito tra le nazioni più povere e quelle più ricche in un momento in cui la disuguaglianza tra i paesi è destinata ad aumentare.

In secondo luogo, rafforzare il ponte economico verso la ripresa.

Guidato dai paesi del G20, il mondo ha adottato misure sincronizzate e senza precedenti che hanno posto un limite all’economia mondiale, inclusi $ 12 trilioni di azioni fiscali e un massiccio sostegno alla liquidità da parte delle banche centrali. Le condizioni di finanziamento si sono allentate per tutti tranne che per i mutuatari più rischiosi.

Data la gravità della crisi, dobbiamo partire da queste misure. Molte nazioni in via di sviluppo continuano ad affrontare una situazione precaria, soprattutto a causa della loro capacità più limitata di rispondere alla crisi. E a livello globale, le incertezze economiche e finanziarie rimangono elevate . Ad esempio, valutazioni elevate delle attività indicano una disconnessione dei mercati finanziari dall’economia reale, con rischi intrinseci per la stabilità finanziaria.

Inoltre, gran parte del sostegno alla politica fiscale sta gradualmente diminuendo . Molte linee di vita come i trasferimenti di denaro alle famiglie, il sostegno per la conservazione del lavoro e le indennità di disoccupazione aumentate sono scadute o dovrebbero scadere entro la fine di quest’anno. Ciò avviene in un momento in cui si prevede che le perdite di occupazione dovute alla crisi saranno ancora considerevoli. Nel solo settore del turismo globale, si stima che a rischio fino a 120 milioni di posti di lavoro.

 

Altre News

Articoli Correlati