Cremlino conferma ruolo Abramovich nei negoziati. Strategia russa di invasione “ha fallito”

- Advertisement -

AgenPress – Il Cremlino ha confermato che il magnate russo Roman Abramovich ha preso parte ai negoziati russo-ucraini.

In una teleconferenza giovedì, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto che Abramovich “ha preso parte ai negoziati nella fase iniziale, questo è vero”.

- Advertisement -

“E ora sono in corso le trattative tra le due squadre negoziali: russa e ucraina”.

Il Financial Times ha riferito che il presidente russo Vladimir Putin ha personalmente appoggiato il potenziale ruolo di Abramovich nei colloqui, citando due persone senza nome con conoscenza diretta della questione. La CNN non ha confermato in modo indipendente tale segnalazione. 

Non è chiaro quale ruolo stia giocando in questa fase Abramovich nei futuri negoziati tra Ucraina e Russia. 

- Advertisement -

E’ chiaro che la strategia iniziale della Russia in Ucraina è fallita e il suo esercito ora deve decidere cosa fare dopo. A dirlo alla BBC  un analista militare, Phillips O’Brien, professore di studi strategici all’Università di St Andrews.

Ha affermato che molti osservatori stranieri hanno preso la “semplice via d’uscita intellettuale” presumendo che la superiorità militare russa avrebbe prevalso nella guerra.

Tuttavia, questa era “un’opinione molto falsa” sulle capacità della Russia che non teneva conto se i suoi soldati fossero disposti a correre dei rischi, ha affermato.

Allo stesso tempo, le capacità dell’Ucraina sono state sottovalutate, ha aggiunto.

Gli ucraini si stavano preparando alla guerra sin dall’annessione della Crimea alla Russia nel 2014 e non volevano vivere “sotto una dittatura russa”, ha affermato il professor O’Brien.

L’escalation verso il basso sarebbe la linea d’azione più razionale e comporterebbe il tentativo di raggiungere un accordo, ma “non sembrano essere disposti a farlo ora”

L’escalation significherebbe o ricostruire l’esercito da zero o “aprire una lattina di vermi” ricorrendo ad armi chimiche, biologiche o nucleari.

“O diminuiscono o aumentano, ma quello che hanno ora non può fare il lavoro”.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati