Crisi Ucraina. Prodotti alimentari. La Black list della dipendenza dell’Italia dall’estero

- Advertisement -

AgenPress. La crisi ucraina e i suoi contraccolpi globali hanno messo in evidenza quanto l’Italia sia deficitaria su molti fronti per quando riguarda il cibo ed è costretta ad importare il 73% della soia, il 64% della carne di pecora, il 62% del grano tenero, il 53% della carne bovina, il 46% del mais, il 38% della carne di maiale e i salumi, il 36% dell’orzo, il 35% del grano duro per la pasta e il 34% dei semi di girasole, mentre per latte e formaggi ci si ferma al 16%.

E’ quanto emerge dall’analisi della Coldiretti su dati del Centro Studi Divulga diffusa in occasione dei dati Istat sulla spesa degli italiani che destinano in media per l’alimentazione 470 euro al mese per famiglia tra alimentari e bevande analcoliche. Un valore che significa complessivamente una spesa alimentare pari a 144,4 miliardi all’anno che – sottolinea la Coldiretti – è messa a rischio dalla crisi determinata dalla guerra in ucraina con accaparramenti, blocchi delle esportazioni e speculazioni che determinano rincari e carenza di alcuni prodotti per i quali l’Italia dipende dall’estero.

- Advertisement -

LA BLACK LIST DELLA DIPENDENZA DELL’ITALIA DALL’ESTERO

Prodotto                 Percentuale di dipendenza dall’estero

  1. Soia                                       73%
  2. Carne di pecora                      64%
  3. Grano tenero                         62%
  4. Carne bovina                         53%
  5. Mais                                      46%
  6. Carne di maiale e salumi        38%
  7. Orzo                                     36%
  8. Grano duro                           35%
  9. Semi di girasole                    34%
  10. Latte e formaggi                   16%
- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati