Dl aiuti. Senato conferma la fiducia. Il M5s non vota. Fassina (Leu), non drammatizzare il non voto

- Advertisement -

AgenPress –  L’Aula del Senato ha confermato la fiducia al governo posta sul dl aiuti. I sì sono stati 172, i no 39, nessun astenuto. Il M5s non ha partecipato al voto risultando assente alla prima e alla seconda chiama.

Di non drammatizzare la decisione del M5s parla il deputato di LeU Stefano Fassina.

- Advertisement -

“Non va drammatizzata la non partecipazione al voto del M5S al Senato per la conversione del DL Aiuti. Settimana scorsa, alla Camera, il M5S ha dato la fiducia al governo e non ha partecipato al voto sulla conversione del Decreto perché non ha avuto risposte su temi decisivi per lavoratori, famiglie e imprese, dal termovalorizzatore al bonus 110%, sui quali non aveva votato il Decreto già in Consiglio dei Ministri.

Al Senato, purtroppo, il voto è unico e coerentemente il M5S non sostiene il provvedimento. Si sarebbe potuto evitare un passaggio così difficile se quanti oggi danno lezioni di senso di responsabilità verso la nazione si fossero ricordati di praticarlo in Consiglio dei Ministri due mesi fa, quando i ministri dell’allora gruppo parlamentare di maggioranza relativa chiesero di non inserire norme in radicale contraddizione con i principi fondativi del loro movimento e totalmente estranee ad un decreto di soccorso all’economia. O dal governo, il senso di responsabilità si fosse messo in atto di fronte alla richiesta di intervenire sul bonus del 110% per evitare il soffocamento di decine di migliaia di imprese. L’isolamento del M5S e del Presidente Conte nel Palazzo non corrisponde alla realtà fuori. Chi oggi drammatizza punta a finire il M5S sulla strada dell’omologazione o sulla strada dell’irresponsabilità e rafforzare la prospettiva di una larga maggioranza centrista. Sarebbe un’aggravamento della drammatica sfiducia nella nostra democrazia. Infine, ricordo alla mia meta’ del campo che, nonostante il ridimensionamento ed i problemi, il M5S porta nell’alleanza progressista la rappresentanza delle periferie sociali”

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati