Dati Covid in tempo Reale

All countries
179,698,836
Confermati
Updated on 22 June 2021 19:28
All countries
162,673,659
Ricoverati
Updated on 22 June 2021 19:28
All countries
3,891,374
Morti
Updated on 22 June 2021 19:28

Dl bilancio. Fondo per anticipi Recovery Fund, 120,6 miliardi in 3 anni

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress – La Legge di bilancio, bollinata dalla Ragioneria generale dello Stato, e attesa in Parlamento, è stata trasmessa al Quirinale e presenta nella sua versione finale da 229 articoli. Per la riforma fiscale è istituito un Fondo con una dotazione di 8 miliardi nel 2022 e 7 miliardi a decorrere dall’anno 2023, di cui una quota non inferiore a 5 miliardi e non superiore a 6 è destinata all’assegno universale e servizi alla famiglia.

Al Fondo sono destinate anche, a decorrere dal 2022, fermo restando il rispetto degli obiettivi programmatici di finanza pubblica, risorse stimate come maggiori entrate permanenti derivanti dal miglioramento dell’adempimento spontaneo, stabilisce la Manovra.

La versione finale della Manovra prevede un Fondo presso il Mef per anticipare i fondi del Programma Next Generation Eu, il Fondo di rotazione per l’attuazione del Next Generation Ee – Italia. La dotazione è di 34,775 miliardi per il 2021, 41,3 miliardi per il 2022 e 44,573 miliardi per il 2023: in totale nel triennio 120,648 miliardi.

Le risorse del Fondo sono versate su due appositi conti correnti infruttiferi aperti presso la tesoreria centrale dello Stato; sul primo conto corrente, denominato “Ministero dell’economia e delle finanze attuazione del Next Generation EU – Italia – Contributi a fondo perduto’ sono versate le risorse relative ai progetti finanziati mediante questo tipo di contributi, mentre sul secondo, denominato ‘Ministero dell’economia e delle finanze attuazione del Next Generation EU – Italia- Contributi a titolo di prestito”, sono versate le risorse relativi ai progetti finanziati mediante loans. Si tratta digestioni fuori bilancio. Le risorse dei conti correnti infruttiferi del Mef verranno trasferite, in relazione al fabbisogno finanziario, alle amministrazioni o organismi titolari dei progetti, mediante giroconto. In seguito, le risorse erogate all’Italia dall’Ue affluiranno sui due distinti capitoli relativi ai contributi a fondo perduto e ai prestiti. Con decreti del ministro dell’Economia, il primo entro 60 giorni dall’entrata in vigore della Manovra, saranno stabilite le procedure amministrativo-contabili per gestire le risorse e rendicontarle.

Le amministrazioni beneficiarie sono responsabili dell’attuazione dei progetti; con Dpcm, su proposta del Mef, da adottarsi sempre nei 60 giorni, vengono definite le modalità di rilevazione dei dati di attuazione a livello di singolo progetto, con riferimento ai costi, agli obiettivi perseguiti, alla spesa sostenuta, alle ricadute sui territori, ai soggetti attuatori, ai tempi di realizzazione, agli indicatori di realizzazione e di risultato. Entro il 30 giugno di ciascun anno dal 2021 al 2027,  il Consiglio dei ministri approva e trasmette alle Camere una relazione che indica, sulla base dello stato dell’arte, le misure necessarie per accelerare l’avanzamento dei progetti.

I progetti devono essere predisposti secondo quanto stabilito dalla normativa Ue. Nel caso di revoca, i finanziamenti saranno riassegnati al Piano. Da gennaio sarà costituita presso la Ragioneria un’apposita unità di missione con il compito di coordinamento, raccordo e sostegno delle strutture coinvolte; previsto un posto di funzione di livello dirigenziale generale di consulenza, studio e ricerca, di tre anni, rinnovabile una sola volta.

Altre News

Articoli Correlati