Dati Covid in tempo Reale

All countries
229,283,642
Confermati
Updated on 20 September 2021 02:03
All countries
204,183,020
Ricoverati
Updated on 20 September 2021 02:03
All countries
4,705,384
Morti
Updated on 20 September 2021 02:03

Dopo Durigon con Mussolini, a Colleferro un altro leghista propone Piazzale Adolf Hitler

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress – Non si sono ancora placate  le polemiche sul caso del sottosegretario all’Economia della Lega Claudio Durigon che, durante un comizio a Latina aveva proposto di intitolare di nuovo il parco ad Arnaldo Mussolini, fratello del Duce, cancellando i nomi di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, che arriva un’altra idea di intitolazione che fa discutere. A lanciarla, come riporta La Repubblica, è Andrea Santucci, vigile del fuoco ed ex consigliere comunale leghista di Colleferro che si dichiara favorevole a intitolare di nuovo piazzale dei Partigiani a Roma, ad Adolf Hitler.

“Nel bene e nel male questa è la nostra storia, credo anche che per la cecità di alcuni perdiamo moltissimo in termini di turismo nel voler nascondere”.

Il Comune di Colleferro ha voluto prendere le distanze dall’ex consigliere Santucci. “Dichiarazioni del genere sono di una gravità inaudita e meritano una condanna fermissima: di questo si occuperanno, oltre a me, il consiglio comunale e le autorità competenti”. Così su Facebook il sindaco Pierluigi Sanna, in merito alle parole di Andrea Santucci.

“Nella città operaia per eccellenza, dove migliaia di persone vissero per mesi e mesi nei rifugi antiaerei durante la guerra, dove carabinieri come Carmine Tamburrino caddero sotto il fuoco dei nazisti negli scontri per strada, dove Paolo Bonomi organizzava il rifornimento di esplosivo della BPD alle bande partigiane di Paliano e Genazzano è inaccettabile che un ‘dirigente politico’ faccia tali affermazioni ed altrettanto inaccettabile che esponga tutta la comunità al pubblico ludibrio nazionale” aggiunge il sindaco. “Siamo stanchi – prosegue Sanna -, è stato un anno duro e difficile: vorremmo soltanto ascoltare delle pubbliche scuse e pensare che ci sia un po’ di vergogna, vorremmo anche che vengano presi provvedimenti immediati al riguardo”. Il sindaco poi sottolinea che “questa gente parla solo per se stessa e non rappresenta la comunità!”.

“Colleferro è una città libera e democratica aggiunge – , una città di lavoratrici e lavoratori che nulla hanno mai avuto a che fare con bestialità del genere, con nostalgici del fascismo e del nazismo! Noi siamo un’altra cosa!”.

Altre News

Articoli Correlati