Draghi: da Lavrov parole aberranti ed oscene. Un comizio. Replica Mosca: intervista voluta da tv italiana

- Advertisement -

AgenPress – “Quello che ha detto Lavrov è aberrante”, ha detto Mario Draghi per definire le parole del ministro degli Esteri russo durante l’intervista andata in onda domenica sera su Rete 4. “Prima di tutto parliamo di un Paese dove c’è libertà di espressione, e il ministro Lavrov appartiene a un Paese dove non c’è libertà di espressione. In Italia c’è libertà di esprimere le opinioni, anche quando sono palesemente false e aberranti. Quello che ha detto Lavrov è aberrante. E per quanto riguarda la parte riferita a Hitler, è davvero oscena. La televisione trasmette liberamente queste opinioni. Si è parlato di intervista ma in realtà è stato un comizio”. 

Non si è fatta attendere la replica di Mosca.  “L’iniziativa di condurre l’intervista non è venuta dal ministero degli Esteri russo, ma da giornalisti italiani”, ha detto la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova su Telegram in merito alle parole premier Mario Draghi che “ha criticato – scrive Zakharova – il programma della tv italiana, in cui è intervenuto per 40 minuti il ministro degli esteri russo Sergei Lavrov. Il programma è stato pubblicizzato come un’intervista, ma in realtà è stato un comizio, ha detto Draghi”. “Voglio che i cittadini italiani sappiano la verità”, afferma Zakharova, “perché i politici italiani stanno prendendo in giro il loro pubblico”.

- Advertisement -

“Il comizio è ciò che viene pubblicato su iniziativa del relatore. Come la pubblicità. L’iniziativa di condurre l’intervista non è venuta dal ministero degli Esteri russo, ma da giornalisti italiani”, evidenzia Zakharova. “Riceviamo centinaia di richieste di interviste con Sergei Lavrov, rappresentanti del Ministero e delle ambasciate. I giornalisti italiani sono stati insistenti, dicendo che era importante mostrare tutti i punti di vista. In cosa hanno torto?”, chiede la portavoce del Ministero degli esteri di Mosca, sottolineando che le domande poste dal presentatore le ha “formulate lui stesso. Non abbiamo apportato modifiche alle domande o alla versione finale dell’intervista”.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati