Dati Covid in tempo Reale

All countries
199,652,102
Confermati
Updated on 3 August 2021 09:02
All countries
178,413,990
Ricoverati
Updated on 3 August 2021 09:02
All countries
4,250,289
Morti
Updated on 3 August 2021 09:02

Droga: operazione antispaccio a Tor Bella Monaca, 21 arresti e 14 indagati

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress – Dalle prime luci dell’alba, i Carabinieri del Comando Provinciale di Roma stanno dando esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Roma, su richiesta della locale Procura Direzione Distrettuale Antimafia, che dispone l’arresto di 21 persone (tra cui due donne) e la sottoposizione all’obbligo di presentazione alla P.G. di altri 14 soggetti (due donne), tutti ritenuti responsabili di associazione finalizzata allo spaccio di sostanza stupefacente del tipo cocaina nel quartiere di Tor Bella Monaca.

L’ennesima indagine volta a contrastare le piazze di spaccio nel quartiere di Tor Bella Monaca, questa volta quella di via Camassei, eseguita dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Frascati, ha fatto luce su una vera e propria organizzazione criminale, con a capo un’unica famiglia del posto, gerarchicamente strutturata. Nel corso delle indagini è stata accertata la loro efficienza nel mantenere inalterata la sua operatività nonostante i ripetuti arresti e sequestri di sostanze stupefacenti operati in flagranza.

I vertici del sodalizio hanno adottato puntualmente mirati accorgimenti finalizzati a rendere l’associazione impermeabile alle attività investigative, utilizzando utenze telefoniche fittizie sostituite ad ogni arresto. Inoltre, al fine di garantire la lealtà degli appartenenti, i vertici dell’associazione fornivano contributi economici per la difesa legale ed il sostentamento al detenuto ed ai familiari, creando di fatto un “ammortizzatore sociale”.

I profitti derivanti dallo spaccio, secondo quanto ricostruito dai Carabinieri, si aggiravano su oltre 220 mila euro settimanali, con picchi nel week-end.’

L’indagine è nata da una denuncia di un “anonimo genitore”. Il dato emerge dal provvedimento disposto dal gip Pier Luigi Balestrieri. Le informazioni presenti nell’esposto sono state, poi, confermate da un collaboratore di giustizia, che ha riferito di una costante attività di spaccio svolta da un cospicuo numero di persone, tra cui pusher e vedette.

Altre News

Articoli Correlati