Elezioni. Carfagna dopo l’addio a Forza Italia si candida con Azione. Una scelta forzata, dolorosa, ma inevitabile

- Advertisement -
AgenPress – “In questi giorni molti di voi mi hanno scritto e chiesto chiarezza su questa complicata fase politica e sulle mie scelte. Ebbene credo sia giusto spiegare alcuni aspetti. Lo devo a chi crede ancora in questo Paese.
Con me il giochino della poltrona non può funzionare. In questi anni ho lavorato sodo e a settembre avrei potuto avere un seggio da parlamentare sicuro in Forza Italia. Mi sarebbe bastato tacere, accettare quello che in molti chiamano “compromesso”. Ma non l’ho fatto, perché l’Italia vale di più. E perché non è mai stato il mio stile. Ho messo davanti a tutto i miei valori, i principi in cui credono le persone che fino ad oggi ci hanno sostenuto con forza. Il sostegno alle imprese, il diritto al lavoro, la capacità di innovare un Paese pieno di potenziale, la protezione di chi è rimasto indietro.
Non sono io ad aver abbandonato Forza Italia, ma è Forza Italia ad aver abbandonato i suoi valori originari”.
Così Mara Carfagna,  in un’intervista a ‘Il Corriere della Sera’, la ministra per il Sud,  annunciando la sua scelta dopo aver abbandonato Forza Italia. .
“Io ho conosciuto due Forza Italia: la prima, con una forza propulsiva in grado di rispondere ai bisogni dell’Italia moderata, di buon senso, di quell’Italia che crede che ci siano cose giuste da fare e che vadano fatte. Quella Forza Italia ha tenuto in piedi una coalizione che si è chiamata “centrodestra”. Un centrodestra vero, autentico.
Poi, in questi ultimi anni, ho conosciuto una seconda Forza Italia, che ha deciso di sottomettersi ai messaggi di due partiti estremisti nel linguaggio e populisti nella promessa di impossibili miracoli. Il Centrodestra si è trasformato in un asse dell’irresponsabilità quando ha deciso di mandare a casa il premier più rispettato d’Europa, interrompendo riforme, ristori, sostegni alle imprese e alle famiglie, pur di prendere qualche deputato in più.
Chi, allora, lavora per le poltrone, e chi per il bene del Paese? Ciascuno risponda usando la sua intelligenza.
Io l’ho fatto e ho trovato la mia risposta. L’Italia non può andare avanti a forza di slogan e vuote promesse. Chi ama questo Paese deve rimboccarsi le maniche e mettersi in gioco.
Questa è stata la mia scelta. Una scelta forzata, dolorosa, ma inevitabile
La mia, a differenza di molte altre, è stata però anche una scelta di coraggio. E ne vado fiera. A testa alta, sempre. E col sorriso!”.
- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati