Dati Covid in tempo Reale

All countries
243,298,750
Confermati
Updated on 22 October 2021 06:46
All countries
218,769,960
Ricoverati
Updated on 22 October 2021 06:46
All countries
4,945,940
Morti
Updated on 22 October 2021 06:46

Fase 2. Boccia diffida Santelli, che replica: “mi spiace mantengo l’ordinanza”

- Advertisement -
- Advertisement -

Agenpress – “Come Jole Santelli sa, giovedì è partita la lettera, l’invito che si è trasformato in una diffida e le procedure sono partite. Ha ancora tempo per ritirare l’ordinanza. Se non dovesse farlo, sa quello che succede quando parte una lettera che diffida dall’andare avanti rispetto a quell’ordinanza”. Così il ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia, sull’ordinanza della Regione Calabria sulle aperture.

“Penso che in un momento come questo nessuno può permettersi di anticipare scelte che non sono considerate sicure, mettendo a rischio la vita di lavoratori e clienti. Questo non è giusto”. La governatrice Santelli “già giovedì sera ha ricevuto la diffida e se non ritirerà l’ordinanza nelle prossime ore sarà impugnata domani mattina al Tar. La Calabria fa meno della metà dei tamponi del Trentino Alto Adige avendo il doppio della popolazione. Siccome abbiamo voluto essere rigorosi ma collaborativi, impugnando diamo alla Santelli ancora una chance”.

“I presidenti di Regione sono tutti molto responsabili, nessuno vuole far rischiare la vita ai propri cittadini. È evidente che le Regioni che saranno sotto i parametri dovranno aspettare qualche giorno o settimana in più, chi sta sopra potrà lentamente e ripartire. non era mai successo nella storia della Repubblica che un’emergenza sanitaria si trasformasse in pandemia”, ha detto Boccia, ribadendo, a proposito dei contrasti delle ultime settimane con alcuni governatori, che “in questo caso le line guida le dà lo Stato e le Regioni si devono adeguare e rispettarle. Ma è prevalso il buonsenso, ci sono state discussioni forti, però mai violazioni di regole a parte la Calabria”

Parole alle quali replica la diretta interessata. “La decisione del ministro Boccia di impugnare l’ordinanza della Regione Calabria, “non mi stupisce perché l’aveva annunciato. Mi spiace invece perché io mantengo l’ordinanza. Sono convinta dei presupposti, sono sicura che entro una settimana faranno esattamente la stessa cosa che ho fatto io. Mi dispiace che abbia preso questa ordinanza come un braccio di ferro mentre era semplicemente la legittima richiesta della regione di far vivere e lavorare, soprattutto lavorare”.

BOLLETTINO REGIONE CALABRIA al 3 maggio

2 positivi su 907 tamponi

In Calabria ad oggi sono stati effettuati 36.874 tamponi. Le persone risultate positive al Coronavirus sono 1.114 (+2 rispetto a ieri), quelle negative sono 35.760.

Territorialmente, i casi positivi sono così distribuiti:
?Catanzaro: 47 in reparto; 2 in rianimazione; 59 in isolamento domiciliare; 75 guariti; 32 deceduti.
?Cosenza: 22 in reparto; 300 in isolamento domiciliare; 107 guariti; 29 deceduti.
?Reggio Calabria: 19 in reparto; 2 in rianimazione; 130 in isolamento domiciliare; 86 guariti; 16 deceduti.
?Crotone: 7 in reparto; 59 in isolamento domiciliare; 41 guariti; 6 deceduti.
?Vibo Valentia: 55 in isolamento domiciliare; 15 guariti; 5 deceduti.
Il totale dei casi di Catanzaro comprende soggetti provenienti da altre strutture e province che nel tempo sono stati dimessi. Un paziente ricoverato all’Ospedale Pugliese di Catanzaro è di Taranto. Si precisa che al Policlinico di Germaneto sono stati ricoverati due pazienti provenienti da altre province.
Le persone decedute vengono indicate nella provincia di provenienza e non in quella in cui è avvenuto il decesso.
I soggetti in quarantena volontaria sono 6.004 così distribuiti:
– Cosenza: 999
– Crotone: 1.693
– Catanzaro: 1.892
– Vibo Valentia: 184
– Reggio Calabria: 1.236.
Le persone giunte in Calabria che ad oggi si sono registrate al sito della Regione Calabria sono 20.521, di questi, i rientri registrati per ritorno alla residenza dal 4 maggio 2020 sono 3.117.
Nel conteggio sono compresi anche i due pazienti di Bergamo trasferiti a Catanzaro, mentre non sono compresi i numeri del contagio pervenuti dopo la comunicazione dei dati alla Protezione Civile Nazionale.

Altre News

Articoli Correlati